SPECIFICA IL TUO AMBITO LAVORATIVO

Privato

Libero professionista

Azienda

Pubblica Amministrazione

Associazione di Categoria

Home > Elenco FAQ

Elenco FAQ

  • Legalmail HUB ti permette di presidiare tutte le caselle di posta certificata con dominio @legalmail.it o con altri domini purché certificati da InfoCert.

    Non possono essere presidiate le caselle rilasciate da altri gestori PEC.

    Mostra in una nuova pagina
    3 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • L'obbligatorietà della fatturazione elettronica verso la Pubblica Amministrazione dipende dall'attività svolta e dalla specifica normativa cui l'organizzazione non profit fa riferimento.

    Una volta verificate queste condizioni con l'aiuto di un consulente o ricorrendo ai chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate, l'organizzazione non profit può decidere il da farsi.

    Tieni conto che la fatturazione elettronica implica l'adozione delle regole tecniche stabilite dal Ministero al quale si rimanda per eventuali chiarimenti.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Una corretta visualizzazione dei contenuti formativi è garantita dall'uso di una delle seguenti versioni dei browser:

    • Internet Explorer 8 o superiore;
    • Mozilla Firefox 4 o superiore;
    • Google Chrome;
    • Apple Safari 4 o superiore.

     

    Mostra in una nuova pagina
    4 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • E' un soggetto, pubblico o privato, che svolge attività di conservazione al quale sia stato riconosciuto, dall’Agenzia per l’Italia digitale, il possesso dei requisiti del livello più elevato, in termini di qualità e di sicurezza.

    AgID, con la Circolare n. 65/2014, ha definito le modalità per l’accreditamento e per la vigilanza dei soggetti che intendono conseguire i riconoscimenti più elevati in termini di qualità e sicurezza prevedendone l’iscrizione in un apposito elenco pubblico.

    Le pubbliche amministrazioni, secondo il Codice dell’Amministrazione Digitale, realizzano i processi di conservazione all'interno della propria struttura organizzativa o affidandoli a conservatori accreditati.

    InfoCert è stata tra le prime aziende italiane ad ottenere l’accreditamento.

    Mostra in una nuova pagina
    4 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Se desideri ricevere le tue fatture passive su Legalinvoice devi associare la tua P. IVA al Codice Destinatario InfoCert XL13LG, accedendo alla sezione Fatture e Corrispettivi dell'Agenzia delle Entrate.

    I possibili sistemi di accesso al sito sono attraverso il Codice Fiscale/Codice Entratel e Password, le credenziali SPID o la Carta Nazionale dei Servizi (CNS).

    Per maggiori dettagli, consulta la Guida al servizio web Fatture e Corrispettivi dell'Agenzia delle Entrate.

    Mostra in una nuova pagina
    1372 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • La fatturazione B2B (Business to Business) è quella che intercorre tra aziende (pertanto, tra soggetti dotati di Partita IVA) mentre per B2C (Business to Consumer) si intende la fatturazione effettuata da un’azienda nei confronti di un consumatore (identificato solo da Codice Fiscale).

    Mostra in una nuova pagina
    2349 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • I server che supportano la conservazione delle fatture elettroniche sono ubicati a Padova.

    La materia è regolata dalla C.M. 18/2014 che ribadisce la possibilità che il luogo di conservazione delle fatture elettroniche sia in un altro Stato, purché con questo Stato esista uno strumento giuridico che disciplini la reciproca assistenza.

    Se la conservazione avviene in altro Stato devono comunque essere applicate le norme italiane per la tenuta e conservazione dei documenti.

    Mostra in una nuova pagina
    1650 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • L’applicazione che stai utilizzando è disponibile in modalità 24/7 così come la funzione di invio al Sistema di Interscambio. Inoltre, la trasmissione delle fatture non è schedulata automaticamente ma sei tu a decidere quando effettuarla.

    Di conseguenza, le fatture sono inviate quando indichi all'applicazione di farlo, anche se si tratta di un giorno festivo.

    Mostra in una nuova pagina
    2 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Sì, certamente. L'app Legalmail Mobile permette di aggiungere qualsiasi tipologia di file al messaggio di posta certificata in spedizione.

    Mostra in una nuova pagina
    12 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Il Controllo di Integrità è un processo informatico attraverso il quale InfoCert controlla che i dati siano al sicuro rispetto a modifiche, cancellazioni o ripristino di backup non autorizzati.

    Il software garantisce che non vengano alterati, cancellati o inseriti documenti da soggetti non autorizzati (incluso il provider del servizio e l'eventuale gestore dell'infrastruttura di storage).

    Il controllo è esteso al ripristino di versioni precedenti dei dati, se non espressamente richiesto.

    Inoltre, in nessun caso i dati locali sui computer dei clienti possono essere corrotti.

    Mostra in una nuova pagina
    8 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Per installare l'applicazione desktop devi aver attivato le versioni Standard o Pro di SecureDrive.

    Puoi scaricarla accedendo all'area Applicazione Desktop e procedere con un clic sul pulsante Scarica l'applicazione... scegliendo quella adatta al tuo sistema operativo (Windows e MacOS).

    Per maggiori dettagli consulta la Guida all'installazione.

    Mostra in una nuova pagina
    1 persona ha trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Se desideri salvare in locale un file precedentemente salvato su SecureDrive, puoi semplicemente selezionarlo: l'operazione di salvataggio nell'area Download del tuo computer partirà in automatico.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Le fatture passive inviate dai tuoi fornitori vengono rese disponibili all'interno di Legalinvoice se sono vere le seguenti condizioni:

    • nella fattura elettronica inviata dal fornitore è indicato correttamente il Codice Destinatario InfoCert, XL13LG4;
    • in alternativa, che tu abbia registrato sul sito Fatture e Corrispettivi dell'Agenzia delle Entrate il canale prioritario di ricevimento delle fatture indicando il Codice Destinatario InfoCert, XL13LG4.

    In questo secondo caso, è importante verificare la data di registrazione della fattura: quelle ricevute prima della comunicazione non hanno potuto essere trattate con il sistema di canalizzazione prioritaria.

    Una volta verificato che le fatture sono presenti nel sito Fatture e Corrispettivi e che è confermata una delle due condizioni sopra descritte, avrai la certezza che le fatture passive saranno messe a disposizione di Legalinvoice. Pertanto, potrai scaricare il documento di interesse dal sito Fatture e Corrispettivi e acquisirlo nel gestionale.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Nel ruolo di soggetto Erogatore sei tenuto ad identificare in modo certo il firmatario tramite un valido documento di riconoscimento, come previsto dall'art. 57 del DPCM 22 febbraio 2013, Regole tecniche in materia di generazione, apposizione e verifica delle firme elettroniche avanzate, qualificate e digitali.

    Per quanto riguarda i documenti di riconoscimento ammissibili, ti consigliamo di fare riferimento a quanto stabilito dall'art. 35, comma 2 del DPR 445 28 dicembre 2000 che elenca i seguenti elementi:

    • la carta di identità
    • il passaporto
    • la patente di guida,
    • la patente nautica,
    • il libretto di pensione,
    • il patentino di abilitazione alla conduzione di impianti termici,
    • il porto d'armi,
    • le tessere di riconoscimento, purché munite di fotografia e di timbro o di altra segnatura equivalente, rilasciate da un'amministrazione dello Stato.

    Mostra in una nuova pagina
    59 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Se desideri rintracciare il reale mittente del messaggio di posta devi procedere con la visualizzazione degli header del messaggio. Nel caso tu stia accedendo alla casella Legalmail via Webmail procedi come indicato di seguito:

    • seleziona il messaggio di cui vuoi verificare la provenienza
    • procedi con un clic sul link Vedi busta di trasporto
    • individua l'icona Dettagli e selezionala con un clic

    Si aprirà una pagina che evidenzierà gli header del messaggio, fornendo le info.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Se hai dimenticato la password di accesso a SPID InfoCert ID, utilizza la funzione di recupero delle credenziali presente nella Home Page del Portale, facendo clic su Non riesco ad accedere.

    Vedi il Tutorial per avere maggiori dettagli.

    Mostra in una nuova pagina
    5 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • L’App MyInfoCert permette di fare l'autenticazione sui portali PA che richiedono l'inserimento di un secondo livello di sicurezza per l'accesso, oltre a quello definito già dalla User ID/mail e Password dello Spid.

    Le modalità di autenticazione SPID con l'App MyInfoCert sono:

    • ricezione notifica push
    • generazione codice OTP
    • scansione QR Code

    Per maggiori dettagli, consulta la Guida all'app MyInfoCert.

    Mostra in una nuova pagina
    21 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Se riscontri nel log del client di posta l'Errore "550 MAIL from: "email_address" blocked "Class Of Service" - Too much traffic from this sender" quando provi ad inviare messaggi dalla tua casella Legalmail significa che stai superando la soglia massima di invio messaggi (6) per unità di tempo (1 minuto).

    Mostra in una nuova pagina
    1 persona ha trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Il ‘ruolo’ consente di indicare l’autore, il mittente, il destinatario, l’assegnatario. Si tratta di un metadato ricorsivo, ma è obbligatorio indicare almeno un autore o un mittente.

    L’assegnatario in caso di aggregazione documentale può essere strutturato in vari sottocampi e consente di tracciare ogni passaggio del procedimento amministrativo della PA.

    L’operatore è il soggetto autorizzato ad apportare modifiche/integrazioni al documento.

    I valori ammessi per il 'tipo' di soggetto sono solo: PF persona fisica, PG persona giuridica, PA amministrazione pubblica. Da cui derivano il 'nominativo', per il quale i soli valori ammessi sono: PF cognome e nome, PG denominazione, PA denominazione AOO (es. ragione sociale del mittente/destinatario, o nome e cognome del dipendente nel LUL) e il 'codice', per il quale i soli valori ammessi sono: PF codice fiscale, PG codice fiscale o P.iva, PA codice IPA AOO.

    Può essere ricorsivo. In questo caso, il set di metadati ripetuto dovrà essere distinto con numeri progressivi.

    Es.

    Destinatario

    Soggetto 2

    Mostra in una nuova pagina
    1 persona ha trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Se vuoi esercitare il tuo diritto nel chiedere il rimborso per l'acquisto di SPID, quale che sia la modalità con la quale hai richiesto SPID InfoCert ID, segui la procedura disponibile nel FORM selezionando nel menù a tendina la voce "Altri Servizi - SPID InfoCert ID".

    Per attivare lo SPID è necessario eseguire una nuova richiesta (a pagamento o gratuita).

    Per richiedere il rimborso è necessario disporre del numero della fattura. Lo trovi nell'email o scontrino.

    Mostra in una nuova pagina
    5 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • , lo stesso numero di Cellulare può essere utilizzato sia nello SPID persona fisica che dallo SPID Uso Professionale poiché saranno entrambi associati allo stesso Codice Fiscale.

    Mostra in una nuova pagina
    4 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • No, al momento non è possibile identificarsi con il proprio SPID personale per richiedere SPID Uso Professionale.

    Le modalità di Riconoscimento per richiedere SPID persona fisica Uso Professionale sono le stesse per la richiesta di SPID persona fisica, tranne che con il nuovo riconoscimento Online attraverso l'App MyInfoCert.

    Mostra in una nuova pagina
    7 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Se stai provando a firmare un documento con la Firma Remota il problema è da ricondursi ad un blocco sulla rete che ti impedisce di raggiungere il nostro server.

    Le soluzioni immediate possono tradursi in:

    • verificare la connessione alla rete
    • controllare le "Impostazioni Proxy"
    • disabilitare il firewall

    Mostra in una nuova pagina
    11 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Non ti è richiesto di avere un tuo sistema di conservazione a norma poiché la suite dei servizi Legalinvoice comprende la conservazione delle fatture e delle ricevute presso il data center InfoCert.

    Se cerchi una soluzione destinata ad imprese e professionisti che necessitano la conservazione delle fatture elettroniche PA o B2B in formato XML, acquista Legalinvoice PRO Conservazione.

    Il servizio di conservazione a norma di InfoCert non richiede l'installazione di alcun software sui tuoi sistemi e l'esibizione a fronte di ispezione di pubblici ufficiali avverrà con l'applicazione InfoCert Legalinvoice.

    Se al contrario disponi di un tuo servizio di conservazione, potrai scaricare le fatture e le ricevute e provvedere a conservarle come preferisci, in ogni caso InfoCert manterrà il servizio di conservazione delle fatture.

    Mostra in una nuova pagina
    1 persona ha trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Se non hai ancora completato la registrazione del tuo account SPID InfoCert ID, puoi riprendere in qualsiasi momento la procedura facendo clic sul pulsante CONTINUA presente all'interno dell'email ricevuta da staff@infocert.it (Oggetto: "Completa la tua richiesta SPID"). In alternativa, puoi copiare e incollare il link presente sotto il pulsante sulla barra di ricerca del browser che utilizzi.

    --> Se, invece, hai già eseguito questa operazione, consulta questo CONTENUTO.

    Hai fatto la richiesta SPID InfoCert ID con il nuovo riconoscimento online tramite Documento Elettronico? Clicca QUI per sapere come completare il processo di registrazione per attivare il tuo account SPID. Ricorda di avere con te i Documenti d'Identità e scaricare sul tuo smartphone l'App MyInfoCert.

    Mostra in una nuova pagina
    1771 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
    1. Apri GoSign vai su "Configurazione" (icona a forma di ingranaggio), seleziona "Marcatura Temporale".
    2. Inserisci "Nome utente" (indirizzo mail usato per la registrazione sul Negozio) e "Password" (di accesso al Negozio);
    3. Salva le credenziali con "Salva password"
    4. Conferma le impostazioni con un clic su "Accedi".

    Scopri con questo Video come apporre e verificare una Marca Temporale con GoSign.

    Mostra in una nuova pagina
    5 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Lo IUT del tuo certificato è presente nella Richiesta di Registrazione che ti è stata inviata al momento del rilascio.

    Lo puoi recuperare utilizzando GoSign.

    1. Seleziona la voce "Elenco Certificati" dal menù laterale a sinistra.
    2. Fai clic sull'icona a forma di occhio in corrispondenza del certificato di tuo interesse.
    3. All'interno dell'area "Dettagli" individua il campo "Soggetto" dove è presente la voce "dnQualifier" che riporta il valore dello IUT attribuito al certificato.

    Mostra in una nuova pagina
    2 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Il Servizio di ricezione OTP via SMS è la nuova modalità di autenticazione forte di InfoCert per tutti quei clienti che non possono utilizzare l'App MyInfoCert sul proprio smartphone e hanno la necessità di accedere ai siti della PA (es. Agenzia delle Entrate, INPS, Fascicolo Sanitario, ecc.) con il Livello 2.

    Se riscontri dei problemi nella ricezione OTP via SMS, vedi QUI.

    Mostra in una nuova pagina
    14 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • L’utilizzo di SPID per il cittadino è gratuito, ma la sua attivazione richiede la registrazione nonché l'identificazione del soggetto richiedente attraverso modalità che possono essere gratuite o a pagamento. Una volta ottenuto, nessun costo o canone ti verrà richiesto.

    Per conoscere il costo associato ai vari servizi di riconoscimento disponibili con InfoCert, vedi:

    Mostra in una nuova pagina
    17 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
    • Legalinvoice PRO non prevede, al momento, l'integrazione con aspetti gestionali al di là della possibilità di esportare file XML per la contabilizzazione (attiva e passiva) dei documenti verso i gestionali che prevedano questa possibilità.

    La sua funzione principale è quella di gestire la redazione della fattura (o l’import di file XML e/o PDF) per firma, invio al SDI, conservazione e successiva esibizione. Anche la ricezione delle fatture passive e la relativa conservazione a norma sono gestite in modalità automatica.

    E’ un servizio rivolto ad aziende di dimensione medio-grande che certamente utilizzano già gestionali specifici per la loro attività.

    • Legalinvoice START (o Legalinvoice GO!), invece, oltre alla redazione/firma/invio/conservazione/esibizione delle fatture (anche passive), prevede la possibilità di gestire alcuni aspetti contabili pur se in modo non spinto. In particolare permette:

      • la gestione articoli per il listino prezzi base, escludendo listini o prezzi personalizzati e la gestione delle giacenze;
      • gli estratti conto clienti/fornitori a partite.

    E’ un servizio rivolto ad aziende di dimensioni piccole o piccolissime.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Per avere lo SPID Livello 2 è necessario utilizzare l'App MyInfoCert, disponibile per dispositivi Android 6+, iOS 13+ e Huawei AppGallery.

    • Per la configurazione dell'App devi accedere con le credenziali del tuo account SPID InfoCert ID attivo.
    • MyInfoCert è GRATIS e disponibile solo per Mobile e Tablet.

    Il tuo Smartphone non supporta l'App MyInfoCert? Clicca QUI.

    Per maggiori informazioni consulta la Guida App MyInfoCert.

    Mostra in una nuova pagina
    10 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Se ti sei già registrato ed hai portato a termine il riconoscimento, riceverai da InfoCert l'email che conferma l'attivazione di SPID, prima di allora non potrai utilizzarlo (entro 48h nel 70% dei casi).

    Se invece non l’hai ancora fatto o devi completare la procedura, clicca sul link dell’email che ti abbiamo inviato per completare la richiesta del tuo SPID.

    Mostra in una nuova pagina
    8 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • La PEC Legalmail Personal è una casella certificata con caratteristiche e vantaggi aggiuntivi in termini di sicurezza e funzionalità rispetto agli standard delle comuni PEC in commercio.

    Puoi richiederla da questa pagina del Negozio InfoCert.

    Per conoscere i servizi e pacchetti aggiuntivi, consulta la FAQ.

    Le specifiche della casella Legalmail Personal sono:

    • 1,00 GB di spazio casella
    • Invio simultaneo fino a 1.000 destinatari
    • Webmail con accesso ottimizzato per smartphone e tablet
    • Possibilità di blocco della posta ordinaria in entrata
    • Ricevute di accettazione e consegna a validità legale esattamente come le ricevute della raccomandata A/R
    • Notifica automatica via mail dei messaggi PEC in entrata
    • Antivirus aggiornato più volte al giorno
    • Antispam ad alte prestazioni
    • Autenticazione a 2 Fattori (Strong Authentication)
    • Assistenza specializzata e Call Center dedicato
    • Chat di supporto direttamente sulla Webmail
    • Filtri automatici
    • Conformità alla normativa vigente

    Si avvisano gli utenti che non è possibile fare il passaggio da questa casella ad un altro tipo (es. BRONZE / SILVER / GOLD).

    Mostra in una nuova pagina
    3 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Se non hai ancora firmato il contratto, puoi in qualsiasi momento cambiare la modalità di riconoscimento (*) selezionata all'inizio della richiesta cliccando sul pulsante "Ricomincia o Cambia modalità di riconoscimento".

    Se hai già firmato il contratto all'interno della procedura di registrazione, puoi richiedere l'annullamento della pratica di richiesta SPID contattando l'Assistenza.

    Per cambiare il metodo di riconoscimento segui le istruzioni:

    1. Una volta selezionato il pulsante "Ricomincia o Cambia modalità di riconoscimento" si apre su una nuova pagina una finestra di avviso: "Confermi di voler ricominciare?". Prima di proseguire oltre è bene prestare la massima attenzione alle indicazioni ivi riportate:
    • utilizzeremo per il tuo account SPID l'indirizzo email e la password che hai scelto
    • dovrai inserire nuovamente i tuoi dati personali e i documenti di identità
    1. Dopo aver fatto clic su "OK" verrai reindirizzato alla pagina del Negozio nella sezione denominata "Modifica la modalità di riconoscimento scelta" dove potrai selezionare la modalità a te più congeniale per effettuare l'operazione di registrazione per la richiesta SPID.

    2. Dopo aver selezionato la nuova modalità, controlla la Posta in Arrivo per verificare l'arrivo di una nuova mail da parte di InfoCert denominata Completa la tua richiesta SPID. Fai clic sul pulsante/link presente al suo interno e riprendi la fase di registrazione con la nuova modalità selezionata facendo attenzione che i dati già presenti siano correttamente riportati nei campi da riempire.

    Mostra in una nuova pagina
    1 persona ha trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Dopo aver verificato la tua identità attraverso una delle possibili modalità di riconoscimento ed eseguito un controllo sui dati forniti, InfoCert, nel suo ruolo di Identity Provider ti invierà un'email che confermerà l'avvenuta attivazione del tuo SPID InfoCert ID.

    Il tempo massimo previsto per inviare questa conferma di attivazione è di 48 ORE lavorative.

    A quel punto installa sul cellulare l'App MyInfoCert per disporre del Liv. 2 di autenticazione forte e accedere ai siti PA.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Quando sulla tua casella Legalmail viene recapitato un messaggio proveniente da una casella di posta elettronica certificata, ricevi dal sistema di Posta la conferma che si tratta di un messaggio proveniente proprio dall'indirizzo del mittente e quindi che la trasmissione è certificata ed ha pieno valore legale.

    La segnalazione che ti compare immediatamente a video è "Messaggio PEC".

    In Vedi busta di trasporto, puoi verificare le info che il sistema PEC trasmette al destinatario.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Per cambiare la password, clicca sull'icona "Account", riconoscibile dalla forma umana in alto a destra.

    Clicca su "Impostazioni di accesso" e poi su "modifica". Mentre digiti la nuova password, il sistema ti suggerisce le regole richieste per scegliere una password robusta:

    • lunghezza superiore a 8 caratteri;
    • almeno un carattere alfabetico;
    • almeno un numero;
    • almeno un carattere speciale (come ? ! @).

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Sì, è possibile.

    Dopo aver identificato il box Firma - Riconoscimento con SPID sulla pagina del Negozio InfoCert, scegli il prodotto di firma a te più congeniale ed esegui l'acquisto.

    L'uso dell'Identità Digitale SPID non comporta una maggiorazione di costo.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Per accedere all'App devi inserire: l'indirizzo PEC per esteso (es. nomepec@legalmail.it) e la Password.

    In caso di difficoltà, effettua l'accesso via Webmail ed assicurati che i dati siano corretti, oppure recupera la password come spiegato nel TUTORIAL.

    Per maggiori informazioni, consulta i contenuti del Sito di Assistenza.

    Mostra in una nuova pagina
    1 persona ha trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Se ti trovi in questa condizione, molto probabilmente il tuo certificato è stato rilasciato da un Partner InfoCert. In questo caso dovrai rivolgerti necessariamente alla Società che ha rilasciato la Firma per procedere con il rinnovo. Oppure potresti avere un certificato di sottoscrizione con l'indicazione del Ruolo (es. Ingegnere, Architetto, Avvocato). In questo caso contatta l'Ordine di appartenenza per capire se esiste una convenzione con InfoCert e fornirti il coupon necessario al rinnovo.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Per conoscere le caratteristiche della tua casella PEC Legalmail attiva, accedi a Legalmail Webmail. Quindi, seleziona l'icona posta in alto a dx di forma umana ("Account"). Fai clic sulla voce "La mia casella" e scopri le seguenti specifiche:

    • nome della casella (Email PEC)
    • Userid
    • Tipologia
    • Scadenza casella
    • Spazio casella
    • Archivio di sicurezza
    • Conservazione
    • Fatture Elettroniche
    • Invii Massivi
    • Notifiche SMS
    • Ordini elettronici
    • Phishing protection

    Mostra in una nuova pagina
    1 persona ha trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Perché la PEC Legalmail ha aggiunto un ulteriore livello di sicurezza alla Webmail chiamato "WAF" (Web Application Firewall).

    Il WAF protegge la tua Webmail filtrando, monitorando e bloccando qualsiasi traffico HTTP/S potenzialmente dannoso e impedisce l'uscita di dati non autorizzati.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • L'interruzione non corretta della sessione di lavoro, indipendentemente che tu stia utilizzando un client di posta o l'accesso via Webmail, implica la possibilità di perdere il messaggio in fase di redazione se questo non è stato salvato nella cartella Bozze.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Se hai bisogno di cancellare i messaggi dall’Archivio di Sicurezza per ampliare lo spazio disponibile, utilizza la funzione "Gestione Archivio" disponibile dopo essere entrato nell'area "Archivio" del menu principale.

    Per maggiori dettagli, consulta il tutorial.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Il solo pagamento del servizio di rinnovo non è sufficiente ad eseguire il rinnovo vero e proprio dei certificati.

    Per maggiori dettagli consulta la Guida al rinnovo dei certificati.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Puoi firmare un documento su Mobile attraverso l'App GoSign (iOS & Android).

    Scopri sul sito la versione più congeniale alle tue esigenze:

    • GoSign Free,
    • GoSign Business,
    • GoSign Grapho

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • L'introduzione dell'obbligo di fatturazione elettronica (1° gennaio 2019) ha profondamente trasformato le modalità con le quali un'azienda trasmette ai propri clienti il documento fattura, ora veicolato attraverso il Sistema di Interscambio dell'Agenzia delle Entrate.

    Questo significa che, in base al tuo profilo (privato, azienda, ecc.) avrai strumenti diversi per recuperare la fattura inviata da InfoCert.

    Se sei un acquirente privato, troverai le fatture all'interno del tuo Cassetto Fiscale raggiungibile mediante il portale dell'Agenzia delle Entrate.

    Se sei un'acquirente dotato di Partita IVA, avrai a disposizione comunque il tuo Cassetto fiscale ma, in base a quanto avrai dichiarato all'Agenzia, potrai ricevere le fatture emesse da InfoCert via PEC o via Codice Destinatario.

    Ad ogni buon conto, InfoCert ti mette a disposizione la copia di cortesia della fattura. Potrai recuperarla accedendo all'Area Clienti del Negozio InfoCert, all'interno della pagina Ordini e fatture.

    La fattura è visualizzabile con Adobe Reader, versione 8 o superiori (scaricabile gratuitamente dal sito www.adobe.it).

    Mostra in una nuova pagina
    6 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Legalinvoice PRO può ricevere lotti di 120/150 fatture, con un limite dimensionale complessivo di 1.5 GB.

    Entro la fine dell'anno sarà possibile effettuare l’import di file .zip con un conseguente sensibile miglioramento di questi limiti.

    Mostra in una nuova pagina
    4 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • L’accesso all’app è sempre incluso nel canone delle caselle Bronze, Silver e Gold.

    Attualmente è in promozione gratuita anche per tutte le altre tipologie di caselle Legalmail.

    Mostra in una nuova pagina
    42 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
    • Legalinvoice START è consigliato a chi non ha un gestionale pertanto può essere considerato come strumento alternativo a un ERP.

    • Legalinvoice PRO è compatibile con tutti gli ERP, a patto che questo emetta il file .xml secondo le specifiche tecniche operative indicate dall'Agenzia delle Entrate o, in alternativa, un file pdf vettoriale.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • L'attività da svolgere prima di emettere la prima fattura è la configurazione dei Profili che definiscono il tuo account.   In particolare, ti viene richiesto di completare:

    • il Profilo Utente;
    • il Profilo Azienda all'interno del quale è contenuto il Profilo Fiscale;
    • il Profilo Elettronico;
    • il Profilo Pubblico.

    Per maggiori dettagli consulta la Guida alla configurazione di Legalinvoice START e Legalinvoice GO! e i video disponibili sul portale.

    Mostra in una nuova pagina
    4 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • La fattura emessa può essere inviata al SdI entro la scadenza della liquidazione IVA.

    Questo significa che se operi in regime mensile potrai inviare le fatture del mese (di qualsiasi giorno ) entro il 15 del mese successivo mentre se operi in regime trimestrale la scadenza dell'invio è il 15 del trimestre successivo.

    Mostra in una nuova pagina
    2 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • I certificati di Firma Remota non prevedono la funzione di sblocco attraverso il codice PUK.

    Pertanto, se hai dimenticato il PIN di firma (composto da 8 cifre) del certificato Remoto non puoi fare altro che chiederne la revoca ed acquistarne uno nuovo.

    Mostra in una nuova pagina
    29 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Se hai dimenticato la password di accesso al Negozio InfoCert, utilizza la funzione di recupero delle credenziali presente nell'Area Clienti.

    Per maggiori dettagli, consulta il tutorial.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • L'app di SecureDrive consente di sincronizzare i dati caricati sul Cloud di InfoCert sul tuo smartphone per avere tutti i tuoi documenti importanti sempre a portata di clic.

    Grazie all'app, puoi caricare i file dal tuo cellulare e metterli al sicuro su SecureDrive.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Per arrivare alla sottoscrizione di un documento attraverso un processo di firma grafometrica intervengono 3 soggetti, le cui azioni e i cui obblighi sono descritti nel DPCM 22 febbraio 2013, Regole tecniche in materia di generazione, apposizione e verifica delle firme elettroniche avanzate, qualificate e digitali. Vediamo chi sono:

    • il soggetto Erogatore viene definito come colui che eroga soluzioni di firma elettronica avanzata al fine di utilizzarle nei rapporti intrattenuti con soggetti terzi per motivi istituzionali, societari o commerciali, realizzandole in proprio o anche avvalendosi di soluzioni realizzate dai cosiddetti partner teconogici. Può essere individuato in uno studio professionale, un'azienda, un'Associazione di categoria o una Pubblica Amministrazione.

    Nella soluzione InfoCert, al soggetto Erogatore competono le attività volte all'identificazione del Firmatario attraverso la verifica del documento di identità e la conservazione della copia del documento per 20 anni.

    • il partner tecnologico viene definito come colui che realizza soluzioni di firma elettronica avanzata, quale oggetto dell’attività di impresa, a favore del soggetto Erogatore.

    La soluzione InfoCert, mette a disposizione del soggetto Erogatore le attività di informativa per l’accettazione del trattamento dei dati biometrici da parte del Firmatario, l'assicurazione obbligatoria prevista dal citato DPCM, la generazione delle chiavi crittografiche con cui saranno cifrati i dati biometrici del Firmatario e la raccolta e cifratura del blob biometrico del Firmatario al quale verranno inviate le evidenze del processo di firma grafometrica.

    • il Firmatario, ovvero la persona fisica chiamata a sottoscrivere il documento in modalità grafometrica al quale si chiede di avere con se un documento di riconoscimento valido ed il tesserino del Codice Fiscale (o tessera sanitaria) al momento della firma per poter essere identificato.

    Mostra in una nuova pagina
    12 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Apple

    Accedi alla sezione Gestisci Caselle cliccando sul nome della casella in alto a sinistra. Una volta all'interno vedrai l'elenco degli indirizzi PEC associati all'app Legalmail, seleziona la casella che vuoi disaccoppiare e clicca sul pulsante Scollega Casella.

    Android

    Accedi al menu laterale cliccando sull'icona in alto a sinistra e seleziona l'indirizzo visualizzato subito sotto l'icona Legalmail. Vedrai apparire il pulsante Gestisci caselle che ti porterà nella sezione Impostazioni dalla quale potrai gestire le caselle associate all'app Legalmail. Seleziona la casella che vuoi disaccoppiare e clicca sul pulsante Scollega Casella.

    Mostra in una nuova pagina
    4 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • L'acquisto di un servizio (o bene intangibile come ad es. il rinnovo di una casella Legalmail, un pacchetto di marche temporali, ecc.) conduce all'emissione di una fattura caratterizzata da un codice le cui prime quattro cifre sono 1194 seguite da ulteriori sei cifre.

    L'introduzione dell'obbligo di fatturazione elettronica (1° gennaio 2019) ha profondamente trasformato le modalità con le quali un'azienda trasmette ai propri clienti il documento fattura, ora veicolato attraverso il Sistema di Interscambio dell'Agenzia delle Entrate.

    Questo significa che, in base al tuo profilo (privato, azienda, ecc.) avrai strumenti diversi per recuperare la fattura inviata da InfoCert.

    Se sei un acquirente dotato di Partita IVA potrai ricevere le fatture emesse da InfoCert via PEC o via Codice Destinatario in base a quanto avrai dichiarato all'Agenzia delle Entrate. In alternativa, puoi sempre ricorrere al tuo Cassetto Fiscale.

    Se sei un acquirente privato, troverai le fatture all'interno del tuo Cassetto Fiscale raggiungibile mediante il portale dell'Agenzia delle Entrate.

    Ad ogni buon conto, InfoCert ti mette a disposizione la copia di cortesia della fattura. Potrai recuperarla accedendo all'Area Clienti del Negozio InfoCert, all'interno della pagina Ordini e fatture.

    Mostra in una nuova pagina
    21 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Puoi accedere alla tua casella Legalmail utilizzando le credenziali - User ID e Password - ricevute da InfoCert.

    Se lo preferisci, puoi identificarti anche attraverso la combinazione Indirizzo di posta PEC (es. ...@legalmail.it) e Password.

    Entrambe le soluzioni possono essere utilizzate per convalidare l'accesso sia:

    In quest'ultimo caso, ricorda che l'indirizzo di posta PEC può essere utilizzato al posto della User ID solo se preventivamente impostato durante la fase di configurazione del client.

    Mostra in una nuova pagina
    38 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Sì, anche il file Indice di Conservazione, che è quel XML formato dal Conservatore, firmato e marcato dal Responsabile del servizio di conservazione a chiusura del pacchetto di archiviazione, cambierà perchè seguirà il nuovo standard UNI SInCRO 2020. Il nome del file resterà uguale.

    Mostra in una nuova pagina
    1 persona ha trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Sì, è possibile ricevere le fatture sulla PEC ed utilizzare Legalinvoice START (o Legalinvoice GO!) solo per la compilazione e l’invio delle fatture.

    Ti consigliamo di registrare presso l'Agenzia delle Entrate la tua casella PEC come indirizzo telematico per la ricezione delle fatture elettroniche.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Alla comparsa di questo errore, puoi:

    • Verificare lo stato del Firewall, Proxy o Antivirus che blocca/no il corretto funzionamento di GoSign.

    • Rimuovere ed aggiungere nuovamente l'account di Firma Remota su GoSign. Se non bastasse si disinstalla GoSign, si elimina la cartella ".gosign" e si scarica nuovamente il software dal SITO.

    Mostra in una nuova pagina
    6 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Se la Firma è attiva, è' possibile cambiare il numero di Cellulare sul quale ricevere i codici OTP in completa autonomia da mysign.infocert.it.

    Se il tuo certificato di Firma non è stato ancora attivato, non è possibile cambiare il numero di cellulare.

    Mostra in una nuova pagina
    1 persona ha trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • I casi di mancata ricezione del codice OTP sul Cellulare sono imputabili al:

    • trovarsi all'estero. In questi casi è consigliato scaricare l'App MyInfoCert piuttosto che attendere l'invio dell'SMS.

    • provider di telefonia. Si consiglia di verificare con il proprio gestore telefonico il motivo per il quale vengono bloccati questi messaggi.

    I casi di mancata ricezione del codice OTP sul Cellulare sono imputabili al:

    • trovarsi all'estero. In questi casi è consigliato scaricare l'App MyInfoCert piuttosto che attendere l'invio dell'SMS.

    • provider di telefonia. Si consiglia di verificare con il proprio gestore telefonico il motivo per il quale vengono bloccati questi messaggi. In particolare è bene effettuare i seguenti controlli:

    1. Assicurarsi che il telefonino abbia gli ultimi aggiornamenti di sistema installati
    2. Riavviare il dispositivo in modo che possa riconnettersi alla rete dell'operatore
    3. Assicurarsi di trovarsi sotto sufficiente copertura di rete
    4. Controllare che il dispositivo e/o la SIM abbia sufficiente spazio libero
    5. Controllare eventuali impostazioni/applicazioni che facciano da filtro o blocco di SPAM
    6. Provare a inserire la SIM su un altro dispositivo e verificare se il messaggio viene consegnato
    7. Verificare eventuali filtri lato operatore
    8. Controllare che ci sia sufficiente credito sulla SIM, nel caso fosse ricaricabile

    Se la mancata ricezione persiste, contattare l'Assistenza. Ricordiamo invece che nel caso si riceva sempre lo stesso OTP in fase di firma, significa che si sta digitando un PIN errato per il certificato selezionato.

    Mostra in una nuova pagina
    6 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
    1. Accedi su webmail e seleziona l'icona a forma di ingranaggio "Impostazioni webmail".
    2. Individua la voce "Generale", sezione "Cestino" e clicca su Quando si elimina un messaggio > Cancella direttamente, quindi salva l'impostazione.
    3. Verifica se ci sono messaggi non utili da eliminare dentro le cartelle Inbox P.Inviata/Bozze/P.Indesiderata/Cestino, oppure spostali nell'"Archivio di Sicurezza".

    Se desideri rendere ancora più efficace l'attività, modifica l'opzione "Svuota automaticamente il cestino all'uscita dalla webmail" impostandola su "Si".

    L'accesso via client ti permette di scegliere se scaricare i messaggi localmente liberando spazio sulla casella (configurazione POP e IMAP). Leggi quale configurazione scegliere nelle "GUIDE alla configurazione dei principali client" che sono disponibili a questa pagina.

    Mostra in una nuova pagina
    2 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Se risiedi all'estero e hai bisogno di attivare un account SPID con InfoCert, puoi richiederlo attraverso una delle 2 (due) seguenti modalità:

    • Riconoscimento Web
    • Firma Digitale o Carta Nazionale dei Servizi (CNS) precedentemente attivata

    Vedi i documenti necessari per fare la richiesta SPID: QUI

    Per maggiori informazioni, consulta la pagina web dedicata

    Mostra in una nuova pagina
    13 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Se sei un utente iOS e utilizzi Safari da Mobile per autenticarti con SPID attraverso la modalità "Notifica PUSH", potresti riscontrare dei problemi di accesso al servizio dovuti all'aggiornamento ad iOS 15.

    In caso di perdita di connessione (tra lo switch dal Sito PA all'App MyInfoCert) verrà visualizzato il seguente link ‘Se hai confermato la notifica su MyinfoCert clicca qui per proseguire’ da cliccare per accedere.

    Laddove il link di cui sopra non dovesse apparire nella schermata, è necessario seguire le istruzioni seguenti per risolvere il malfunzionamento:

    1. Vai su Impostazioni > Safari > Avanzate > Experimental Features > NSURLSession WebSocket
    2. Disabilita la voce
    3. Riavvia Safari

    Mostra in una nuova pagina
    1 persona ha trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Per conoscere le PROMOZIONI attualmente in vigore per i prodotti/servizi InfoCert consulta la pagina dedicata del Negozio.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Le Smart Card con numero seriale 1401… non possono essere sbloccate ricorrendo a funzionalità disponibili online.

    Queste carte, prodotte dalla Siemens, hanno un sistema operativo particolare che viene gestito ricorrendo al software rilasciato dalla casa produttrice chiamato CardOS API.

    Puoi scaricarlo dalla sezione Driver e componenti aggiuntivi del portale di Firma Digitale.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Certo, l'accesso via client di posta è possibile e puoi scegliere tra le diverse soluzioni software disponibili sul mercato. L'unica condizione è che tu esegua preventivamente la necessaria attività di configurazione del client.

    Per maggiori dettagli, consulta le Guide alla configurazione del client per trovare quella di tuo interesse.

    Mostra in una nuova pagina
    7 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Le Firme digitali di InfoCert si dividono in (4) quattro tipologie, ognuna con le proprie caratteristiche:

    • Firma Remota
    • Wireless Key
    • Business Key
    • Smart Card

    Consulta la pagina del Negozio per trovare la FD più adatta alle tue esigenze.

    Mostra in una nuova pagina
    7 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Si avvisano gli utenti che il browser Internet Explorer non viene più supportato per l'autenticazione SPID sui Portali dei Fornitori dei Servizi. Si consiglia l'utilizzo di un browser diverso (es. Chrome, Mozilla, ecc.).

    SPID non sarà più compatibile con IE per motivi di sicurezza in quanto il browser in questione non sarà più supportato dal 15 giugno 2022. La stessa Microsoft l'ha dichiarato deprecato e in dismissione.

    Mostra in una nuova pagina
    5 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Il riconoscimento tramite Self-ID è un processo di identificazione che ti permette di ottenere un certificato di firma e di firmare un documento utilizzando l'apprendimento automatico e l'Intelligenza Artificiale.

    Carica il tuo documento, controlla i dati, scatta un selfie e previo controllo automatico, ottieni il tuo certificato.

    L’operazione è semplice e veloce; impiegherai pochi minuti.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Legalinvoice Go! è la versione semplificata di Legalinvoice START, valida per i seguenti regimi fiscali fissi:

    • RF02 Contribuenti minimi (art.1, c.96-117, L. 244/07)
    • RF19 Regime forfettario (art.1, c.54-89, L. 190/2014)

    E' possibile fare l'UPGRADE da Legalinvoice GO! a Legalinvoice START ma non il downgrade dalla suite START a quella GO!.

    Mostra in una nuova pagina
    4 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Per configurare il tuo Profilo Azienda :

    • clicca sull'icona dell’ingranaggio collocata sulla barra nera in alto a destra della home page;
    • seleziona Profilo Azienda dal menu a tendina;
    • inserisci le informazioni richieste.

    Per maggiori dettagli consulta la Guida alla configurazione di Legalinvoice START e Legalinvoice GO!.

    Mostra in una nuova pagina
    1 persona ha trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Mostra in una nuova pagina
    1 persona ha trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • NO, non è possibile modificare UserID / email associata al tuo account SPID attivo.

    Puoi però modificare un'email secondaria (di contatto) o l'email di recupero PW sulla tua Area Personale nel SelfCare.

    Se ti trovi nella Fase di richiesta SPID, potresti trovare utile consultare questo CONTENUTO.

    Mostra in una nuova pagina
    3 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Le modalità di riconoscimento per SPID Professionale sono le stesse ammesse per SPID persona fisica (con Firma Digitale, con CNS, online con Video Riconoscimento, di persona presso un InfoCert Point), tranne con il nuovo riconoscimento NFC attraverso l'App MyInfoCert.

    Mostra in una nuova pagina
    11 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
    • Richiesta SPID con Ricon. Online?

    Controlla la mail di "staff@infocert.it" e clicca "Continua" per proseguire alla fase di Riconoscimento Video con l'agente.

    • Acquisto Firma Digitale con Ricon. Online?

    Controlla la mail di "no-reply@infocert.it". Entra nell'Area Riservata, quindi fai clic sull'icona "Effettua il riconoscimento".

    Se il tempo di attesa per il riconoscimento Video è superiore a 30 min riprova in un altro momento (*).

    Il Riconoscimento è disponibile dal LUN-DOM, 9.00-21:00.

    Per qualsiasi dubbio sulla fase del processo di registrazione SPID in cui ti trovi, consulta questo CONTENUTO DI SUPPORTO.

    Mostra in una nuova pagina
    3 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • NUOVO CLIENTE:

    Se sei un nuovo Cliente e ti sei appena registrato, seleziona la mia Area Clienti all'interno della pagina di accoglienza. Troverai la sezione dedicata ai Dati di Fatturazione. Il Negozio suggerisce che non esiste alcuna anagrafica; con un clic su Aggiungi informazione di fatturazione potrai inserire i dati richiesti facendo attenzione alla loro correttezza. Il rischio è quello di ricevere una fattura contenente dati errati. Qualora l'indirizzo di spedizione fosse diverso da quello di fatturazione puoi provvedere ad aggiornare anche l'area Indirizzi di Spedizione.

    SEI GIA' CLIENTE INFOCERT:

    Se sei già un Cliente InfoCert, in occasione del primo ordine utile ti verrà chiesto di arricchire i Dati di Fatturazione con quelli eventualmente mancanti ovvero avrai la possibilità di modificarli se sono variati. In ogni caso, accedi a La Mia Area Clienti con le credenziali di accesso al Negozio InfoCert (indirizzo email e password). Troverai la sezione dedicata ai Dati di Fatturazione. e potrai procedere con un clic sul pulsante Modifica. Ti troverai nella pagina dedicata alla modifica dei dati di fatturazione: correggi o integra quanto necessario facendo attenzione alla loro correttezza. Il rischio è quello di ricevere una fattura contenente dati errati. Qualora l'indirizzo di spedizione fosse cambiato puoi provvedere ad aggiornarlo ricorrendo all'area Indirizzi di Spedizione.

    Per maggiori dettagli sui dati richiesti, consulta la FAQ Di quali informazioni ha bisogno InfoCert per inviarmi la fattura elettronica.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • La modalità con la quale ottenere un codice OTP dipende da quanto convenuto in sede di rilascio del certificato di firma remota. Le opzioni possibili sono:

    • Token crittografico
    • Invio SMS (o generazione su App)

    Vedi di seguito per i dettagli:

    • se ti viene assegnato un token crittografico, al momento della firma dovrai solo schiacciare il pulsante, leggere le cifre e riportarle nel campo dedicato facendo attenzione a digitarle correttamente;

    • se ti viene assegnato l'invio via SMS, al momento della firma dovrai utilizzare la funzione di "Invio OTP" resa disponibile dal programma o dal portale utilizzato. In alcuni casi, il codice OTP può essere inviato automaticamente dall'applicativo utilizzato e non dovrai fare altro che leggere il messaggio SMS. Il mittente del messaggio SMS è InfoCert mentre il testo del messaggio indica la data della richiesta, l’ora di consegna ed il Codice OTP generato, di 8 cifre, da riportare nel campo dedicato facendo attenzione a digitarle correttamente. Il codice OTP inviato via SMS non ha scadenza temporale bensì resta valido fino al suo utilizzo.

    Con l'installazione delle app di Firma InfoCert ("MyInfoCert App" e "Gosign Free app") è attivabile inoltre (per la sola opzione iniziale via SMS) l'OTP via "notifica push" sul cellulare, oppure l'"OTP" generato all'interno dell'app.

    Mostra in una nuova pagina
    1 persona ha trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Il portale di richiesta ti chiederà di verificare la compatibilità del tuo dispositivo con il servizio e, una volta accertato che questo è adeguato per effettuare il riconoscimento web, ti chiederà di fornire il tuo consenso al trattamento dei dati attraverso un clic sul pulsante Procedi.

    A questo punto partirà la sessione web durante la quale sarai messo in contatto con un Operatore InfoCert che ti darà tutte le istruzioni necessarie per concludere la procedura con successo.

    Se ti dovessi trovare nella condizione di non trovare un Operatore immediatamente disponibile, puoi scegliere tra due soluzioni:

    • restare collegato in attesa di essere messo in contatto con un Operatore;
    • chiudere la pagina e riprovare in un secondo momento. In questo caso puoi riprendere l'attività da dove eri rimasto utilizzando le credenziali che hai scelto per la tua identità digitale: l'indirizzo mail e la password impostata in fase di registrazione.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Per configurare l'accesso alla tua casella Legalmail utilizzando il client di posta Microsoft Outlook 2016, segui le istruzioni contenute nella Guida alla configurazione.

    Se il client, dopo la richiesta della pw, continua a proporti l'inserimento dei dati di accesso e ti comunica un problema di connessione con il server di posta in arrivo (*), vuol dire che non riesce a risolvere correttamente la tua pw per la presenza di caratteri speciali.

    Modifica la pw eliminando questi caratteri speciali.

     

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Se si utilizzano policy restrittive verso i servizi InfoCert, sarà necessario modificare le configurazioni degli apparati e/o dei servizi di rete.

    I dati di connessione del server sono:

    • server di posta in arrivo: mbox.cert.legalmail.it
    • server di posta in uscita: sendm.cert.legalmail.it

    Le porte da utilizzare sono, rispettivamente:

    • server di posta in arrivo: 993 (IMAP4s) oppure 995 (POP3s)
    • server di posta in uscita: 25 (SMTPs) oppure 465 (SMTPs)

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Ci sono stati segnalati casi di falso positivo da parte dell’ antivirus Avast durante l’utilizzo del software contenuto all’interno della Business Key InfoCert.

    In particolare, l’antivirus rimuove il file GetUser.dll dalla cartella InfoCert e il dispositivo non si avvia più.

    Leggi di seguito per capre come puoi intervenire.

    Se l’antivirus ha già reso non utilizzabile il software della Business Key, puoi:

    • provvedere al ripristino del dispositivo secondo quanto riportato sul sito di Firma Digitale. E’ importante tu faccia attenzione a disattivare temporaneamente l’antivirus per evitare che segnali un ulteriore falso positivo e renda nuovamente non utilizzabile il token USB. Terminata la procedura di ripristino, occorre estrarre il token dalla porta USB e riattivare l’antivirus;

    • inserire un’eccezione nell’antivirus Avast, per escludere dalla scansione il file precedentemente segnalato come rimosso, GetUser.dll.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Se la procedura di configurazione manuale di Firefox descritta nella Guida non funziona e non carica il modulo, puoi andare nella configurazione avanzata di Firefox scrivendo about:config nella barra degli indirizzi e cliccando Accetta e Continua.

    Filtrare poi dalla ricerca la voce security.osclientcerts.autoload. Il valore di default è a false ma cliccando a destra si cambia in true e permetterà a Firefox di rilevare i certificati di un dispositivo di Firma Digitale come Explorer o Chrome. L'unico prerequisito è che sia già installata nel pc una versione di Gosign/Gosign Desktop.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Gosign Desktop consente la verifica dei documenti marcati temporalmente nei diversi formati (.tsd / .m7m / .tsr).

    1. Accedi a GoSign Desktop e seleziona il riquadro "VERIFICA".
    2. Scegli il file che vuoi controllare o trascinalo all'interno del box di verifica.
    3. Ti viene fornito a schermo la sintesi dell'esito di verifica.

    Un clic sul pulsante "Apri Dettagli", posto a fianco delle informazioni sulla Time Stamping Authority che ha apposto la marcatura temporale, mi permette di ottenere maggiori informazioni sulla marca apposta.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Eventuali errori o problemi nell'operazione di pagamento con Carta di Credito non sono imputabili al sistema di gestione pagamenti di InfoCert ma alla Banca (rivolgersi direttamente alla propria Banca emittente per verificare l'autenticazione 3D Secure della Carta).

    Si consiglia di riprovare l'operazione oppure utilizzare modalità di pagamento alternative:

    • Bonifico, o
    • PayPal.

    Mostra in una nuova pagina
    3 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Se provando ad aprire un messaggio di posta certificata da Webmail hai ricevuto questo avviso, vuol dire che al suo interno sono contenuti elementi potenzialmente pericolosi per la postazione di lavoro. Il sistema di posta li ha rimossi e il messaggio viene definito filtrato.

    Puoi comunque salvare messaggio completo in locale e visualizzarlo seguendo le indicazioni contenute nel Manuale Utente Webmail Legalmail.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • La posta PEC garantisce la riservatezza delle comunicazioni.

    In particolare, l'accesso alla casella Legalmail e lo scambio di messaggi certificati avviene tramite protocolli di comunicazione sicuri (*).

    L'invio di messaggi a caselle email non certificate, invece, espone la comunicazione a rischi significativi dal punto di vista della riservatezza.

    Tuttavia se il mittente e il destinatario possiedono certificati digitali adeguati è possibile crittografare il messaggio.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Per gestire i tuoi OTP e le notifiche all'indirizzo mail del tuo certificato di firma remota, accedi su MySign con le tue credenziali.

    Quindi, seleziona dal menù laterale a sx la voce di tuo interesse:

    • Aggiorna PIN di Firma
    • Aggiorna Password
    • Gestisci OTP (sul Cellulare)
    • Gestisci Report (notifiche mail)

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
    • Utilizzi la Suite Legalinvoice START? Segui la GUIDA e consulta il paragrafo n.15. Ulteriori info sono disponibili nel Manuale Utente

    • Utilizzi la Suite Legalinvoice PRO? Consulta la GUIDA alla sezione "5. Invio delle fatture".

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Un driver è un software che permette al sistema operativo il riconoscimento e il controllo delle periferiche esterne (device).

    Un qualsiasi dispositivo che comunica tramite driver con il sistema operativo, diventa una periferica esterna riconosciuta come unità logica.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Il solo certificato valido per la firma dei documenti è il certificato di sottoscrizione.

    Questo messaggio di errore viene visualizzato quando si firma il file con il certificato di autenticazione destinato, appunto, all'autenticazione dei messaggi e-mail.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Se desideri rinnovare i certificati digitali presenti su un dispositivo fisico utilizza la funzione Rinnova certificati disponibile sulla home page di GoSign e GoSign PRO.

    Per maggiori dettagli consulta la Guida al rinnovo dei certificati con GoSign.

    Se desideri rinnovare il tuo certificato di firma remota accedi al portale MySign e utilizza la funzione Rinnova ora disponibile sulla homepage.

    Per maggiori dettagli consulta la Guida al rinnovo dei certificati di Firma Remota.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Per sbloccare il PIN del tuo dispositivo, il cui numero di serie inizia per 1401…, 1402…, 1501…, utilizza la funzione Inizializza PIN del programma SIManager incluso nel pacchetto CARDOS API.

    Il software è disponibile sul sito di Firma Digitale InfoCert, nella sezione Driver e componenti aggiuntivi.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • La sezione Le mie Pratiche di GoSign è l'area dove si trovano tutte le pratiche che hai creato e da cui puoi verificare in tempo reale lo stato di ogni processo di firma.

    La sezione Libro Firma contiene tutti i documenti che richiedono una tua firma o una tua approvazione.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Per accedere alla PEC Legalmail vai su https://webmail.infocert.it/legalmail/#/login dopo aver ricevuto l'email di attivazione. Inserisci:

    • la UserID / indirizzo PEC (...@legalmail.it) creato in fase di richiesta
    • la Password di Primo accesso comunicata a video durante la richiesta. Clicca QUI se smarrita.

    Dopo il 1° accesso, dovrai creare una nuova password ed inserire le informazioni di sicurezza

    Se non riesci ad accedere, utilizza il Form su https://contatta.infocert.it/recupera-password/ per chiedere una nuova Password.

    Per maggiori informazioni su come impostare le Informazioni di Sicurezza per il recupero delle credenziali della PEC, consulta il TUTORIAL.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Il sistema di firma remota richiede che la nuova password scelta per accedere al portale MySign abbia una lunghezza di almeno 8 caratteri e contenga al suo interno caratteri maiuscoli e minuscoli, uno o più numeri e almeno un carattere speciale, non più di due caratteri identici consecutivi.

    I caratteri speciali ammessi sono: & % ! " ( ) ? ^ + [ ] . , _

    Le stesse limitazioni sussistono per il cambio password.

     

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • In osservanza alle norme sulla privacy, i sistemi di Posta Certificata non mantengono una copia completa dei messaggi per un tempo superiore a quello necessario per l'espletamento del servizio.

    Questo significa che se cancelli un messaggio o una ricevuta, rischi di perderlo a meno che tu non abbia attivato e configurato l'Archivio di Sicurezza per il salvataggio automatico della corrispondenza.

    L'accesso all'Archivio, così come l'attivazione e la configurazione, sono raggiungibili via Webmail.

    Mostra in una nuova pagina
    4 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Dopo aver eseguito l'accesso, devi indicare a Legalmail HUB quali siano le caselle certificate che vuoi presidiare.

    Nel pannello di controllo di Legalmail HUB è presente il pulsante Aggiungi che permette di inserire l’indirizzo completo della casella certificata che si desidera presidiare, la User ID e la password. Il pannello permette l'inserimento di altre informazioni non obbligatorie.

    Al termine di questa attività, la casella certificata risulta presente ed attiva nel pannello di controllo di Legalmail HUB e potrai iniziare a consultare i messaggi ricevuti.

    Mostra in una nuova pagina
    8 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • In presenza di fatture sia elettroniche che analogiche, l’Agenzia delle Entrate ha precisato che i contribuenti non hanno l’obbligo di tenere registri sezionali separati ai fini della registrazione e della conservazione delle fatture stesse.

    Pertanto, come contribuente dovrai porre attenzione al fatto che la fattura abbia una data di emissione e un numero progressivo che la identifichi in modo univoco.

    A tale proposito, sempre l’Agenzia delle Entrate, nella Risoluzione 1/E del 10 gennaio 2013 chiarisce che l’identificazione univoca delle fatture “è compatibile … con qualsiasi tipologia di numerazione progressiva che garantisca l’identificazione univoca della fattura, se del caso, anche mediante riferimento alla data della fattura stessa” ... “Ad esempio, fermo restando l’obbligo di indicare in fattura la data, si ritengono ammissibili le seguenti modalità di numerazione progressiva all’interno di ciascun anno solare: Fatt. n. 1, Fatt. n. 2 …; Fatt. n. 1/2013 (oppure n. 2013/1), Fatt. n. 2/2013 (oppure n. 2013/2).

    Questo non esclude la possibilità di utilizzare comunque sezionali separati per motivi pratici. Sulle modalità di creazione di un sezionale/partitario separato rivolgiti al tuo commercialista/consulente d'azienda.

    Mostra in una nuova pagina
    4 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Il Codice Identificativo di Gara o CIG è un codice adottato per identificare un contratto pubblico stipulato in seguito ad una gara d'appalto o affidato con una delle altre modalità consentite dal codice dei contratti pubblici. È costituito da una sequenza di 10 caratteri alfanumerici ed è utilizzato ai fini della tracciabilità dei pagamenti relativi ai contratti pubblici.

    Il Codice Unico di Progetto o CUP è un codice alfanumerico univoco, che identifica e accompagna un progetto d'investimento pubblico in tutte le fasi del suo ciclo di vita. È costituito da una sequenza di 15 caratteri alfanumerici ed è utilizzato per semplificare l'attività amministrativa e rintracciare i dati dello stesso progetto su tutti i sistemi di monitoraggio.

    Sebbene esistano casi di esclusione, e quindi CIG e CUP non risultino valori obbligatori, le fatture devono necessariamente contenerli per assicurare l'effettiva tracciabilità dei pagamenti. Potrebbero verificarsi casi di fatture inviate alla PA senza CIG e/o CUP che passano la validazione del SdI risultando regolarmente emesse, ma poi le PA interessate potrebbero trovarsi nelle condizioni di non procedere al pagamento.

    Mostra in una nuova pagina
    68 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Puoi accedere al test finale solo dopo aver completato tutti i capitoli che compongono il contenuto informativo del corso.

    Quando un capitolo è completato, l'icona Play sulla barra di scorrimento delle informazioni diventa verde. In caso contrario sarà di colore giallo, che indica la fruizione parziale del materiale.

    Verifica che tutte le icone siano di colore verde.

    Mostra in una nuova pagina
    1 persona ha trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Il Codice Destinatario attribuito ad InfoCert e che i clienti Legalinvoice dovranno comunicare ai propri fornitori per ricevere le fatture, è XL13LG4.

    Mostra in una nuova pagina
    31 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • L’autofattura è una normale fattura in cui i dati del cedente/prestatore e del cessionario/committente coincidono. Pertanto, è possibile gestirla con i servizi della suite Legalinvoice.

    In un’ottica di obbligo di fatturazione elettronica, però, occorre considerare che il documento autofattura non necessariamente comporta l’obbligo di essere creato in formato XML e di essere inviato al SdI qualora venga emessa per assolvere agli obblighi IVA relativi ad acquisti da soggetti Extra UE, territorialmente rilevanti in Italia.

    Un esempio può essere rappresentato dalle società di autotrasporti internazionali per le quali, salvo cambiamenti interpretativi da parte dell’Amministrazione Finanziaria, l’autofattura può essere emessa in modo tradizionale e può non essere inviata al SdI.

    Mostra in una nuova pagina
    2 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • risposta

    Mostra in una nuova pagina
    1 persona ha trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Attualmente le app non ammettono alcuni caratteri speciali: . , [ ( ) ] ' & ; ? \ : ; "

    Se la tua password di accesso contiene uno o più di questi caratteri, per accedere all'app devi cambiarla attraverso la funzione disponibile sulla Webmail.

    I caratteri speciali accettati sono: @ ! # $ % ' - / = ^ \ _ ` { } ~ +

    Mostra in una nuova pagina
    105 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Il messaggio non letto potrebbe trovarsi all'interno di un'altra cartella.

    Controlla nelle cartelle di sistema (Spedite, Bozze, Cestino) o all'interno di quelle che hai creato per organizzare i tuoi messaggi.

    Mostra in una nuova pagina
    18 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Per poter essere gestite correttamente dalla funzione Template PDF, le fatture e tutte le tipologie di documenti emessi dalla tua azienda (fatture regime ordinario, fatture estere, con ritenuta d’acconto, ecc.), devono:

    • essere file PDF vettoriali, ottenuti quindi da una stampante virtuale e non da scansione;
    • essere prodotte in formato A4-equivalente con sviluppo verticale o orizzontale in funzione all’orientamento del testo che contiene;
    • non essere soggette a protezione, ovvero l’estrazione delle pagine deve risultare abilitata;
    • essere redatte utilizzando i segueni font: Courier, Helvetica, e Times New Roman negli stili corsivo, grassetto e grassetto corsivo e i font Symbol e ZapfDingbats.

    Inoltre, all'interno delle fatture PDF devono essere:

    • presenti e leggibili i dati della Partita IVA o, in sua assenza, del Codice fiscale del destinatario;
    • presenti, e valorizzabili in alternativa, il campo Codice Destinatario e PEC di destinazione.

    Non ti resta che emettere le nuove fatture lasciando che Legalinvoice PRO trasformi quelle in formato .pdf prodotte dal tuo gestione in altrettanti tracciati xml compatibili con le caratteristiche delle fatture elettroniche.

     

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Nelle fatture destinate alla PA devono essere indicate tutte le seguenti voci:

    • l'imponibile;
    • l'IVA;
    • l'importo totale.

    Inoltre, nel campo Esigibilità' IVA va indicata, selezionandola tra quelle presenti nell'elenco, la voce Scissione dei pagamenti mentre nel campo Rif. Normativo la voce art. 17-ter, D.P.R. n. 633/1972.

    Mostra in una nuova pagina
    1 persona ha trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Il 30 luglio l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato l’Aggiornamento delle specifiche tecniche a seguito dell’introduzione di nuovi controlli (versione 1.5). I paragrafi modificati sono: 2.1.1 – 2.1.2 – 2.1.4 dell’Appendice 1.

    Sono oggetto di attenzione la Partita IVA e il Codice Fiscale che devono riferirsi al medesimo soggetto. In particolare, i controlli tendono a:

    • verificare il corretto utilizzo del codice destinatario “XXXXXXX”. L’eventuale errore nell’uso viene segnalato con il codice di errore 00313;
    • verificare la coerenza tra Partita IVA e Codice Fiscale (se entrambi presenti) sia per il cedente/prestatore che per il cessionario/committente. L’eventuale errore nell’uso viene segnalato, rispettivamente, con i codici 00320 e 00324;
    • verificare la corretta valorizzazione del Codice Fiscale, sia per il cedente/prestatore che per il cessionario/committente, nei casi in cui la partita IVA sia quella di un gruppo IVA. L’eventuale errore nell’uso viene segnalato, rispettivamente, con i codici 00321, 00322, 00325 e 00326;
    • verificare, nei casi di autofattura, che la Partita IVA del cedente/prestatore non sia cessata da più di 5 anni. L’eventuale errore nell’uso viene segnalato con il codice di errore 00323;
    • verificare che l’indirizzo PEC indicato nel campo PECDestinatario non corrisponda ad una casella PEC del SdI. L’eventuale errore nell’uso viene segnalato con il codice di errore 00330.

    La soluzione indicata è quella di correggere i dati e inviare nuovamente la fattura.

    Mostra in una nuova pagina
    8 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Il canone corrisposto per i servizi della suite Legalinvoice comprende la conservazione sostitutiva delle fatture inviate e ricevute tramite il sistema per un periodo di 10 anni.

    Nel caso in cui tu decida di non rinnovare il canone di abbonamento, dovrai procedere con il download di quanto inviato in conservazione tramite l'apposita funzione disponibile all'interno dell'applicazione, prima del termine del servizio.

    Mostra in una nuova pagina
    6 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
    • L'accesso alla tua casella via Webmail è immediato: non hai bisogno di installare componenti software aggiuntive né di configurare il browser. Rappresenta quindi lo strumento più adatto per accedere alla casella da postazioni di lavoro diverse dalla tua.

    • Viceversa, l'accesso via Client richiede una configurazione iniziale del programma e sebbene offa una gamma di funzioni più ampia, legata al client prescelto, limita la consultazione da postazioni diverse dalla tua, a meno che tu non ripeta le stesse operazioni ogni volta.

    L'accesso via Webmail avviene, semplicemente, inserendo le credenziali nella pagina di accesso a Legalmail dalla quale puoi eseguire anche il recupero della password nel caso in cui la avessi dimenticata. Anche per accedere via Client devi fornire le tue credenziali di accesso, almeno in fase di configurazione. Ma se dovessi dimenticare la password e ti trovassi nelle condizioni di doverla recuperare, dovresti sempre ricorrere alla funzione Non riesco ad accedere presente nella pagina di accesso via Webmail.

    • L'accesso via Webmail prevede che i messaggi rimangano, a meno di una volontaria azione di cancellazione, nello spazio disponibile della casella.
    • L'accesso via Client ti permette di scegliere se scaricare i messaggi sulla tua postazione ovvero se lasciarli nello spazio disponibile. Se il browser o il client con il quale accedi alla casella sono configurati per mantenere i messaggi nello spazio disponibile, ricordati di cancellarli periodicamente. In caso contrario la casella, potrebbe raggiungere i limiti di spazio previsti e non sarà più in grado di ricevere ulteriori messaggi.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • No. Per accedere ai corsi è necessario collegarsi al sito di E-learning InfoCert e registrarsi.

    Per maggiori dettagli consulta la Guida ai corsi di formazione InfoCert.

     

    Mostra in una nuova pagina
    1 persona ha trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Se i servizi di posta certificata sono stati integrati nei sistemi aziendali, potrebbe accadere che la tua applicazione abbia problemi di connessione ai server Legalmail (mbox.cert.legalmail.it e sendm.cert.legalmail.it) e che non riesca a verificare la catena di certificazione del nuovo certificato SSL, che ha sostituito il precedente in scadenza.

    Verifica con il personale addetto alla manutenzione dei sistemi aziendali che sia stata aggiornata la catena di certificazione:

    GlobalSign Root R3 (https://valid.r3.roots.globalsign.com/) >> GlobalSign RSA OV CA – 2018 >> *.cert.legalmail.it

    La necessità di utilizzare tutti o solo alcuni dei certificati della catena dipende dall’applicazione utilizzata in azienda.

    Per maggiori informazioni sono disponibili le seguenti guide sul sito Globalsign:

    Mostra in una nuova pagina
    1 persona ha trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Se hai smarrito o dimenticato la password di accesso ad un servizio InfoCert:

    • Consulta i tutorial disponibili su questo sito e segui le istruzioni fornite per recuperarla.

    Se non hai mai inserito le Informazioni di sicurezza :

    • è il tuo primo accesso al servizio InfoCert (Legalmail, Legalinvoice, ecc.) ?
    • le hai bloccate fornendo per 3 (tre) volte una risposta errata alla Domanda Segreta ?

    Puoi recuperare la password tenendo conto della modalità di acquisto del servizio:

    1. ho acquistato il servizio InfoCert sul Negozio;
    2. ho acquistato il servizio InfoCert presso un Rivenditore Autorizzato InfoCert.

    Mostra in una nuova pagina
    2371 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Se desideri rintracciare il reale mittente del messaggio di posta devi procedere con la visualizzazione degli header del messaggio. Nel caso tu stia accedendo alla casella Legalmail con Outlook 2016:

    • apri il messaggio di cui vuoi verificare la provenienza
    • scegli nella barra dei menu l’opzione File, posta in alto a sinistra
    • restando nella pagina Informazioni seleziona la funzione Proprietà

    Si aprirà una finestra e alla sezione Intestazioni Internet trovi gli header.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Puoi accedere alla tua casella Legalmail utilizzando sia l'interfaccia Webmail che un client di posta a tua scelta.

    • Per l'accesso via Webmail ti occorrono solo le credenziali (User-ID e password o, in alternativa, indirizzo PEC e password) fornite da InfoCert.

    Ricorda che la password delle caselle Legalmail acquistate sul Negozio InfoCert sono temporanee e valide solo per il primo accesso. Una volta eseguito l'accesso alla tua casella Legalmail, sarà necessario creare una nuova password di accesso.

    • Per l'accesso via client, dopo aver modificato la password su Webmail, dovrai provvedere alla configurazione del client di posta. Per maggiori dettagli, cerca tra le Guide alla configurazione disponibili su questo sito quella di tuo interesse.

    Mostra in una nuova pagina
    8 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • I Documenti Elettronici (CIE e Passaporto Elettronico) sono caratterizzati dalla presenza di un microchip contactless (senza contatto) integrato nel documento che permette la verifica dell’identità del titolare e l’accesso ai servizi online di pubbliche amministrazioni (PA) e imprese.

    All’interno del microchip sono memorizzati in maniera sicura i dati personali e biometrici del titolare (foto e impronte digitali), insieme alle informazioni che ne consentono l’identificazione online.

    Tali dati, ad eccezione delle impronte digitali, possono essere letti su un computer a cui è collegato un lettore di smartcard contactless o con uno smartphone che supporta la lettura NFC (Near Field Communication).

    Mostra in una nuova pagina
    13 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Per richiedere l'attivazione della Tessera Sanitaria (TS) in una Carta Nazionale dei Servizi (CNS) e, quindi, utilizzarla per l'accesso ai servizi telematici della PA, è necessario che la CNS sia "attivata" con il rilascio dei codici: PIN, PUK e CIP.

    Pertanto, devi rivolgerti presso gli sportelli abilitati dell'Azienda Sanitaria di competenza munito di:

    • TS
    • Documento d'identità
    • Indirizzo mail (anche PEC)

    Una volta ricevute le credenziali complete, l'utente attraverso un lettore Smart Card, può installare il software di gestione della TS-CNS ed accedere ai servizi online.

    Mostra in una nuova pagina
    2 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Se non hai definito le Informazioni di Sicurezza al momento del 1° accesso alla tua casella Legalmail, continuerai a vederti porre questa richiesta fino a quando non le inserisci.

    Per maggiori info sulle "Informazioni di Sicurezza", vedi la FAQ.

    Mostra in una nuova pagina
    7 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Prima di utilizzare la funzione di Recupero Password presente su Webmail, controlla di inserire il nome della casella/userID corretto (es. nomecasella@legalmail.it).

    Presta attenzione al Blocco Maiuscolo quando digiti la Password.

    Se l'operazione non dovesse riuscire o non hai le Informazioni di Sicurezza, puoi richiedere una nuova password compilando il FORM.

    Puoi vedere la procedura di Recupero Password ("Non riesco ad accedere") su questo TUTORIAL.

    Per maggiori informazioni sulle Informazioni di Sicurezza consulta questa breve FAQ.

    Mostra in una nuova pagina
    31 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Quando lo spazio disponibile è inferiore alla dimensione del messaggio in arrivo, allora il messaggio non viene recapitato per mancanza di spazio.

    Quindi, hai 2 possibilità:

    Qualora l'ampiezza della tua casella dovesse aumentare considerevolmente, prendi in considerazione la possibilità di passare al servizio di Casella Massiva: costa proporzionalmente meno ed offre prestazioni più elevate.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Per utilizzare il servizio Ordini (Elettronici) NSO, disponibile per ogni tipologia PEC, devi attivarlo manualmente poiché la configurazione iniziale della casella prevede che non sia attivo.

    1. Seleziona l'icona "Impostazioni webmail" posta in alto a dx
    2. Fai click su scheda "Ordini" e attiva l'opzione "Attiva il servizio Ordini Elettronici".
    3. Ricordati di salvare le modifiche con il pulsante "Salva".

    Il servizio "Ordini Elettronici" è incluso nelle caselle Silver, Gold e Maxi.

    Per conoscere le tipologie di Codice Identificativo del Destinatario presente nel file dell'ordine consulta questo CONTENUTO.

    Mostra in una nuova pagina
    1 persona ha trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Se non utilizzi nel tempo il tuo account SPID InfoCert ID attivo, InfoCert ti invia delle notifiche via mail nelle quali ti ricorda che questa inattività prolungata può portare alla revoca dell'identità digitale. Ciò significa che nel momento in cui lo SPID viene revocato non potrai mai più riusarlo ma sarà necessario richiedere un nuovo SPID dal Sito.

    Per evitare ciò, ti consigliamo di accedere ad un qualsiasi Portale della PA (es. INPS, Comune, Agenzia delle Entrate, ecc.).

    Mostra in una nuova pagina
    1 persona ha trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Hai dimenticato la password di accesso di SPID? Clicca su "Non riesci ad accedere?", presente su SelfCare. Inserisci l'email associata a SPID e scegli tra:

    • la risposta alla domanda di sicurezza scelta nella configurazione iniziale dello SPID, o
    • l’email di contatto inserita in fase di registrazione

    Laddove entrambe le soluzioni non fossero accessibili, il tuo SPID non sarà più utilizzabile e dovrai richiederne uno nuovo.

    Mostra in una nuova pagina
    11 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Se hai dimenticato il Codice di Sblocco per l'App MyInfoCert ti consigliamo di disinstallare l'App e installarla nuovamente.

    Difatti, il "Codice di sblocco" per l'App NON E' RECUPERABILE con la procedura: "Hai dimenticato la Password?", posta in fondo alla schermata di Login, perchè questa procedura serve per recuperare una delle due credenziali dell'account SPID che è diverso dall'utilizzo dell'App MyInfoCert.

    Per queste ragioni, il "Codice di Sblocco" E' DIVERSO dalla "password" di SPID.

    Clicca QUI per vedere come configurare l'App sul tuo smartphone.

    Mostra in una nuova pagina
    36 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • No, non si può richiedere lo SPID Personale per un'altra persona. Lo SPID Personale deve essere richiesto per proprio conto.

    Ciò detto, il metodo di pagamento della richiesta SPID è svincolato da chi è il richiedente;

    Infine, si ricorda che sull'App MyInfoCert è possibile configurare e gestire più account SPID InfoCert ID diversi.

    Mostra in una nuova pagina
    4 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Le modalità di Riconoscimento possibili per un prodotto di Firma Digitale (Wireless Key, Business Key, Firma Remota, Smart Card) sono:

    • Video Riconoscimento Online (da PC o Mobile). Sono necessarie 48-72 ore per l'utilizzo della Firma acquistata.
    • Riconoscimento Online con SPID. Il prodotto di Firma acquistato è subito funzionante.
    • Senza Riconoscimento Online presso Pubblico Ufficiale.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Se hai bisogno di dotarti di una casella PEC puoi acquistarla direttamente sul Negozio InfoCert.

    Sempre da Negozio puoi acquistare i Servizi Aggiuntivi che ti permettono per es:

    • ampliare lo spazio disponibile della cartella Inbox
    • ampliare lo spazio disponibile dell'Archivio di Sicurezza
    • nonché acquistare lo spazio destinato alla conservazione elettronica sostitutiva dei messaggi.

    InfoCert offre le caselle certificate e tutti gli altri servizi della suite Legalmail anche attraverso la propria rete commerciale o avvalendosi di partner qualificati. Le modalità di vendita possono variare in funzione della quantità di caselle richieste e delle specifiche esigenze del cliente.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • No, la trasmissione certifica l'invio del messaggio e la sua consegna nella casella del destinatario, non la lettura.

    D'altra parte, la normativa considera la notifica – ossia la comunicazione arrivata via email all’indirizzo di posta certificata del destinatario – completa, perfettamente valida e conosciuta dal suo destinatario.

    Di conseguenza, il tuo interlocutore non potrà trovare – anche se in buona fede – alcuna scusa per lamentare la mancata apertura della propria casella.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Il certificato CNS, o Carta Nazionale dei Servizi, ti consente l'accesso ai servizi erogati in rete da una Pubblica Amministrazione.

    Viene rilasciato da una Pubblica Amministrazione in forza del Decreto Interministeriale del 9 dicembre 2004, "Regole tecniche e di sicurezza relative alle tecnologie e ai materiali utilizzati per la produzione della Carta nazionale dei servizi".

    Il certificato CNS ha una validità di 3 anni e puoi rinnovarlo per ulteriori 3 anni, purchè fatto prima della scadenza.

     

     

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Il servizio Legalmail ti offre la possibilità di conservare a norma i messaggi PEC con un servizio integrato direttamente nella casella, come previsto dalla normativa di riferimento (art.71 del Codice dell’Amministrazione Digitale).

    Clicca qui per avere maggiori informazioni.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Per rinnovare i certificati digitali presenti sul tuo dispositivo (Smart Card, Business Key o Wireless Key) prossimi alla scadenza hai bisogno della versione di GoSign (o GoSign PRO) adatta al sistema operativo presente sulla tua stazione di lavoro installata.

    Per maggiori dettagli consulta la Guida al rinnovo dei certificati.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Il led della Wireless Key assume colorazioni diverse in base alla percentuale di carica della batteria o allo stato del dispositivo rispetto al suo collegamento via Bluetooth con il cellulare.

    Per quanto riguarda la batteria, ricorda che:

    • il led di colore rosso indica che il dispositivo è scarico;
    • il led di colore giallo, visibile quando il dispositivo è collegato alla presa USB del computer, indica che il dispositivo è in carica;
    • il led di colore verde, visibile quando il dispositivo è collegato alla presa USB del computer, indica che il dispositivo si è ricaricato completamente .

    Per quanto riguarda lo stato del dispositivo, ricorda che:

    • il led di colore blu indica che il dispositivo è attivo;
    • il led di colore blu alternato al rosa indica che il dispositivo è pronto per essere abbinato al cellulare;
    • il led di colore verde indica che il dispositivo è connesso al cellulare e può essere utilizzato per firmare documenti informatici o collegarsi in modalità sicura ai portali della Pubblica amministrazione.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Come previsto dal Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 17 giugno 2014, il processo di conservazione dei documenti rilevanti ai fini fiscali e tributari è effettuato entro il termine previsto dall’art. 7, comma 4-ter, del decreto-legge 10 giugno 1994, n. 357, convertito con modificazioni dalla legge 4 agosto 1994, n. 489, cioè entro tre mesi dalla scadenza dei termini per le dichiarazioni annuali relative all’anno di esercizio.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • L’art. 62 del D. L. 24 gennaio 2012 n. 1 convertito, con modificazioni, in L. 24 marzo 2012 n. 27 e successive modificazioni, prevede testualmente che "il pagamento del corrispettivo deve essere effettuato per le merci deteriorabili entro il termine legale di trenta giorni e per tutte le altre merci entro il termine di sessanta giorni. In entrambi i casi il termine decorre dall’ultimo giorno del mese di ricevimento della fattura".

    Con riguardo alla fattura elettronica XML veicolata tramite il SdI, questa si intende validamente emessa ai fini fiscali e quindi ricevuta dal destinatario, alla data di consegna contenuta nella Ricevuta di consegna (oppure la notifica di mancata consegna in caso di impossibilità alla trasmissione).

    In sostanza quindi, i 30 o i 60 giorni per eseguire il pagamento della fattura decorreranno dall’ultimo giorno del mese di ricezione della fattura, corrispondente a quando il SdI avrà comunicato la fattura al destinatario e avrà inoltrato al trasmittente la data di avvenuta consegna (oppure la notifica di mancata consegna in caso di impossibilità alla trasmissione).

    Mostra in una nuova pagina
    51 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Nel caso in cui la trasmissione al soggetto ricevente non fosse possibile, il SdI invia al soggetto trasmittente una ricevuta di Impossibilità di Recapito con la quale comunica di aver messo a disposizione la fattura nell’area autenticata dei servizi telematici del cessionario/committente.

    La fattura risulta formalmente emessa e non sarà possibile trasmetterla nuovamente tramite il SdI.

    In questo caso il fornitore è tenuto a comunicare tempestivamente al proprio cliente – per vie diverse dal SdI – che l’originale della fattura elettronica è a sua disposizione nell’area riservata del sito web Fatture Corrispettivi dell’Agenzia delle Entrate.

    Tale comunicazione può essere effettuata anche mediante la consegna di una copia informatica o analogica della fattura elettronica.

    Mostra in una nuova pagina
    17 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Un motivo che può causare il crash dell'app è l'impostazione dell'orario in formato 12 ore.

    Se il tuo iPhone è impostato in questo modo, prova a seguire le istruzioni riportate nella relativa FAQ.

    Mostra in una nuova pagina
    1 persona ha trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Si, puoi farlo attivando il servizio aggiuntivo Template PDF.

    In questo modo permetterai a Legalinvoice PRO di estrarre automaticamente le informazioni contenute nelle fatture .pdf prodotte dal tuo gestionale e tradurle nel formato .xml previsto per le fatture elettroniche.

    Per maggiori dettagli, consulta la Guida alla gestione dei formati pdf e xml delle fatture.

    Mostra in una nuova pagina
    1 persona ha trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Nell'ambito delle operazioni di configurazione del Profilo Azienda, è importante non trascurare la scelta del Profilo Fiscale corretto per la tua attività.

    Per scegliere uno tra i profili fiscali preconfigurati in Legalinvoice START (o Legalinvoice GO!):

    • clicca sull'icona dell’ingranaggio collocata sulla barra nera in alto a destra della home page;
    • seleziona “Profilo azienda” dal menu a tendina;
    • seleziona Profili fiscali dal menu laterale posto nella parte sinistra dello schermo.

    Il profilo fiscale predefinito dal sistema è "Fatturazione Regime Iva standard".

    Per maggiori dettagli consulta la Guida alla configurazione di Legalinvoice START e Legalinvoice GO! e i video disponibili.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Il codice di cifratura è un codice attraverso il quale proteggi i dati che hai caricato su SecureVault.

    Nessuno, neanche InfoCert, può accedere ai dati o recuperare il codice.

    Per questo è importante non perderlo: in caso di smarrimento non saresti in grado di accedere ai tuoi dati.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • La firma elettronica applicata al messaggio, apposta con un certificato di autenticazione, garantisce l'integrità del messaggio stesso. La sua validità può essere verificata mediante i principali strumenti utilizzati per consultare la posta elettronica.

    La firma digitale apposta su un documento allegato ad un messaggio garantisce non solo l'integrità del documento stesso ma fornisce anche la strong text garanzia più completa dal punto di vista legale sulla paternità del documento. La sua validità può essere utilizzando gli strumenti, web o software messi a disposizione dal InfoCert sul portale di firma digitale.

    Mostra in una nuova pagina
    1 persona ha trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • I dati biometrici sono quei dati personali che si ricavano da caratteristiche fisiche o comportamentali uniche e identificative di ciascuna persona fisica.

    Nel caso della firma grafometrica, si parla di caratteristiche biometriche comportamentali che vengono acquisite tramite speciali tavolette di acquisizione (tablet grafometrici) o, come nel caso di GoSign Grapho, su tablet di uso commerciale attraverso l'uso di specifici applicativi.

    I dispositivi di acquisizione devono essere in grado di rilevare, oltre al tratto grafico (la forma delle lettere), anche una serie di parametri dinamici associati all'atto della firma. I principali sono:

    • velocità di tracciamento ovvero la velocità di scrittura del firmatario;
    • accelerazione del movimento associato al gesto di tracciare la propria firma;
    • pressione esercitata dal firmatario sul supporto di sottoscrizione, in questo caso sullo schermo del tablet;
    • inclinazione dello strumento di scrittura utilizzato ovvero della penna per tablet;
    • salti in volo ovvero lo stacco tra singole lettere, parti di lettere o parole.

    Il sistema di firma su cui si basa GoSign Grapho è progettato appositamente per individuare le caratteristiche dinamiche della firma apposta dal firmatario. I dati biometrici raccolti dal dispositivo, immediatamente dopo la loro acquisizione, vengono cifrati e fusi in modo permanente con il documento sottoscritto, permettendo agli stessi dati di non poter essere modificati.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • La firma digitale è basata su un sistema di chiavi crittografiche ospitate su un dispositivo sicuro (anche remoto) e viene rilasciata al Titolare a seguito di un processo di riconoscimento garantito da un Qualified Trust Service Provider (ente Certificatore) che emette a favore del Titolare un certificato qualificato.

    La firma digitale è considerata a tutti gli effetti l'equivalente della firma autografa: ha pieno valore legale e garantisce l'opponibilità di un qualsiasi documento nei confronti di terze parti.

    La firma grafometrica è una delle possibili forme della firma elettronica avanzata. Ne viene consentito l'uso nell'ambito di rapporti giuridici intercorrenti tra il Firmatario e il soggetto Erogatore il quale identifica puntualmente il primo ogni qual volta questo è chiamato ad apporre una firma. La firma grafometrica, infatti, viene incapsulata all'interno documento sottoscritto, attraverso la cifratura dei dati biometrici.

    La firma grafometrica soddisfa il requisito della forma scritta con l'eccezione di alcuni tipi di contratto (trasferimento di beni immobili, diritto di usufrutto, rendite perpetue o vitalizi, ecc). L'Erogatore, pertanto, dovrà scegliere attentamente le tipologie documentali da sottoscrivere con questa soluzione.

    Mostra in una nuova pagina
    63 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Per rendere più rapida la tua esperienza d'uso, l'app Legalmail effettua un download parziale della cartella alla quali accedi scaricando le ultime 30 email ricevute, ordinate per data. Al fine di visualizzare le email precedenti basta scorrere la lista verso il basso.

    Se l'app non dovesse effettuare l'aggiornamento della lista di email verifica che non siano attivi i filtri Mostra solo PEC o Nascondi ricevute. Se risultassero attivi, disabilitali e prova nuovamente a consultare la lista email presente nella cartella.

    Mostra in una nuova pagina
    4 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Individua la cartella personale Fatture Elettroniche, apri il dettaglio dell'email di cui vuoi salvare il contenuto e seleziona l'opzione Scarica Fattura tra quelle messe a disposizione dal menu accessibile con il pulsante posizionato in alto a destra.

    Mostra in una nuova pagina
    8 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Se hai acquistato il servizio attraverso un nostro Rivenditore Autorizzato InfoCert ed hai smarrito o dimenticato la password di accesso ad un servizio InfoCert, consulta i tutorial disponibili su questo sito e segui le istruzioni fornite per recuperarla.

    Se non hai mai inserito o hai bloccato le Informazioni di sicurezza necessarie per gestire l'operazione recupero in totale autonomia, allora puoi recuperare la password rivolgendoti all'Assistenza Clienti del tuo R