SPECIFICA IL TUO AMBITO LAVORATIVO

Privato

Libero professionista

Azienda

Pubblica Amministrazione

Associazione di Categoria

Home > Elenco FAQ

Elenco FAQ

  • La fatturazione B2B (Business to Business) è quella che intercorre tra aziende (pertanto, tra soggetti dotati di Partita IVA) mentre per B2C (Business to Consumer) si intende la fatturazione effettuata da un’azienda nei confronti di un consumatore (identificato solo da Codice Fiscale).

    Mostra in una nuova pagina
    25 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Per disdire il Servizio di Fatturazione Elettronica InfoCert (LegalInvoice START o PRO) prima della sua scadenza, compila il MODULO e segui le istruzioni descritte per completare la richiesta.

    Mostra in una nuova pagina
    2 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • L’Assistenza Telefonica Specialistica prevede il supporto tecnico da parte di personale qualificato, nella soluzione di situazioni particolari. Per la Fatturazione Elettronica:

    • Supporto per la configurazione del profilo dell’Utente
    • Connessione “da remoto” sul client dell’Utente

    Vai alla pagina del Negozio per acquistare il Servizio.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • L’introduzione dell’obbligo della fatturazione elettronica implica la scomparsa della fattura accompagnatoria e la necessità di prevedere una modifica nella gestione di questo documento.

    Un possibile comportamento da tenere, in attesa di chiarimenti ulteriori da parte dell’Amministrazione, può essere quello di emettere un documento di trasporto (DDT) per accompagnare la merce ed emettere una fattura elettronica differita.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Visita questa PAGINA del Negozio per conoscere le Offerte InfoCert per il Servizio di Fatturazione Elettronica LegalInvoice.

    Fai il TEST per vedere qual è il servizio di Fatturazione Elettronica più conforme alle tue esigenze: LegalInvoice Start o LegalInvoice PRO?

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • L'obbligatorietà della fatturazione elettronica verso la Pubblica Amministrazione dipende dall'attività svolta e dalla specifica normativa cui l'organizzazione non profit fa riferimento.

    Una volta verificate queste condizioni con l'aiuto di un consulente o ricorrendo ai chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate, l'organizzazione non profit può decidere il da farsi.

    Tieni conto che la fatturazione elettronica implica l'adozione delle regole tecniche stabilite dal Ministero al quale si rimanda per eventuali chiarimenti.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Per rinnovare il Servizio di Fatturazione Elettronica InfoCert (sia esso START o PRO), acquistare nuovi crediti oppure scegliere un'altra versione, clicca QUI e inserisci le tue credenziali per eseguire l’accesso all’"Area Clienti".

    E' un processo guidato, dove ti vengono proposte le diverse opzioni di configurazione / prezzo.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Se sei un nuovo Cliente e ti sei appena registrato, seleziona la funzione Account all'interno della pagina di accoglienza. Troverai i dati appena inseriti (l'indirizzo email che coincide con la tua user di accesso) e poco sotto una sezione dedicata ai Dati di Fatturazione. Il Negozio suggerisce che non esiste alcuna anagrafica; con un clic su Aggiungi una nuova anagrafica di fatturazione potrai inserire i dati richiesti facendo attenzione alla loro correttezza. Il rischio è quello di ricevere una fattura contenente dati errati. Qualora l'indirizzo di spedizione fosse diverso da quello di fatturazione puoi provvedere ad aggiornare anche l'area Dati di Spedizione.

    Se sei già un Cliente InfoCert, in occasione del primo ordine utile ti verrà chiesto di arricchire i Dati di Fatturazione con quelli eventualmente mancanti ovvero avrai la possibilità di modificarli se sono variati. In ogni caso, accedi all'Area Clienti con le credenziali di accesso al Negozio InfoCert (indirizzo email e password). Seleziona la funzione Account e poi, all'interno della pagina, individua la sezione dedicata ai Dati di Fatturazione e procedi con un clic sul pulsante Modifica. Ti troverai nella pagina dedicata alla modifica dei dati di fatturazione: correggi o integra quanto necessario facendo attenzione alla loro correttezza. Il rischio è quello di ricevere una fattura contenente dati errati. Qualora l'indirizzo di spedizione fosse cambiato puoi provvedere ad aggiornarlo ricorrendo all'area Dati di Spedizione.

    Per maggiori dettagli sui dati richiesti, consulta la FAQ Di quali informazioni ha bisogno InfoCert per inviarmi la fattura elettronica.

    Mostra in una nuova pagina
    7 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Sì, l’obbligo di fatturazione elettronica che è stato introdotto dall’art.1 del Decreto Legislativo 5 agosto 2015 n. 127, così come modificato dall’art. 1 comma dal 909 al 917 della legge 27 dicembre 2017 n. 205 (G.U. n.302 del 29 dicembre 2017) riguarda anche i consumatori finali non in possesso di partita IVA (B2C) oltre che le imprese (B2B).

    L'effetto del provvedimento parte dal 1° gennaio 2019.

    Mostra in una nuova pagina
    1 persona ha trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Il processo B2B/B2C è differente rispetto a quello verso la Pubblica Amministrazione, in particolare nella gestione delle Ricevute e Notifiche.

    Nel flusso B2B/B2C il destinatario della fattura elettronica non potrà più, via SdI, Accettare o Rifiutare la fattura e di conseguenza scompaiono le ricevute di Accettazione, Rifiuto e quella per Decorsi Termini con i rispettivi flussi di notifica. Ovviamente il flusso resta inalterato per la fatturazione verso la Pubblica Amministrazione.

    Inoltre, nel caso di impossibilità da parte del SdI di veicolare la fattura elettronica al destinatario, all'emittente sarà inoltrata l'Attestazione di avvenuta trasmissione della fattura con impossibilità di recapito.

    Mostra in una nuova pagina
    1 persona ha trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Legalinvoice PRO mi permette di trasformare le fatture .pdf create dal mio gestionale nel formato .xml previsto per la fatturazione elettronica.

    Per maggiori info sul procedimento da attuare sul Software di Fatturazione, consulta la Guida dedicata.

    Mostra in una nuova pagina
    1 persona ha trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Si, puoi farlo attivando il servizio aggiuntivo Template PDF.

    In questo modo permetterai a Legalinvoice PRO di estrarre automaticamente le informazioni contenute nelle fatture .pdf prodotte dal tuo gestionale e tradurle nel formato .xml previsto per le fatture elettroniche.

    Per maggiori dettagli, consulta la Guida alla gestione dei formati pdf e xml delle fatture.

    Mostra in una nuova pagina
    1 persona ha trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Tutte le utenze Legalinvoice PRO dispongono della funzionalità che permette di caricare e conservare le fatture elettroniche trasmesse con altri servizi di fatturazione elettronica (ad esempio quelle generate dal portale di GSE).

    La funzionalità di caricamento e invio in conservazione delle fatture elettroniche è fornita senza oneri aggiuntivi per il cliente.

    Mostra in una nuova pagina
    2 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • L'obbligo riguarda tutte le pubbliche Amministrazioni e l'elenco completo è disponibile sul sito dell'Indice delle Pubbliche Amministrazioni (iPA) che costituisce l'archivio ufficiale contenente i riferimenti degli Enti Pubblici.

    In particolare sono disponibili i codici identificativi degli Uffici destinatari di Fattura elettronica e la data di attivazione del servizio.

    I dati presenti nell'iPA possono essere consultati tramite:

    • l'interfaccia web del sito iPA;
    • i dataset conformi allo standard Open Data pubblicati sul sito iPA. Gli Open Data sono tipologie di dati liberamente accessibili a tutti, senza restrizioni di copyright, brevetti o altre forme di controllo che ne limitino la riproduzione.

    In base a quanto indicato negli allegati C e D del DM n. 55 del 3 aprile 2013, le Amministrazioni sono comunque tenute a comunicare ai fornitori il Codice Univoco dell'Ufficio destinatario di fattura elettronica e la data a partire dalla quale il relativo servizio di fatturazione elettronica è operativo per la ricezione della fattura.

    Si evidenzia infine che nelle "Specifiche operative per l'identificazione univoca degli Uffici Centrali e Periferici, delle Amministrazioni, destinatari della fatturazione elettronica" emesso da AGID si riporta:

    "per ciascun fornitore le Amministrazioni devono indicare l'elenco dei contratti vigenti specificando per ciascun contratto il Codice Univoco dell'Ufficio destinatario di fattura elettronica rilasciato dall'IPA e la data a partire dalla quale il servizio di fatturazione elettronica è operativo, con un preavviso di almeno 30 giorni solari rispetto a tale data".

    Mostra in una nuova pagina
    1 persona ha trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • No, per utilizzare i servizi della suite Legalinvoice non serve accreditarsi allo SdI.

    InfoCert si configura come intermediario di fatturazione ed è accreditata presso il Sistema di Interscambio di Sogei.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Se hai dimenticato la password di accesso al Servizio di Fatturazione Elettronica LegalInvoice, segui le istruzioni elencate di seguito:

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • La documentazione contrattuale dei servizi della suite Legalinvoice è disponibile nella sezione Fatturazione Elettronica del portale InfoCert.

    Qui troverai, sempre aggiornati, le Condizioni Generali di Contratto e gli Allegati Tecnici.

    Nella stessa pagina è possibile consultare i Manuali Utente.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • L’autofattura è una normale fattura in cui i dati del cedente/prestatore e del cessionario/committente coincidono. Pertanto, è possibile gestirla con i servizi della suite Legalinvoice.

    In un’ottica di obbligo di fatturazione elettronica, però, occorre considerare che il documento autofattura non necessariamente comporta l’obbligo di essere creato in formato XML e di essere inviato al SdI qualora venga emessa per assolvere agli obblighi IVA relativi ad acquisti da soggetti Extra UE, territorialmente rilevanti in Italia.

    Un esempio può essere rappresentato dalle società di autotrasporti internazionali per le quali, salvo cambiamenti interpretativi da parte dell’Amministrazione Finanziaria, l’autofattura può essere emessa in modo tradizionale e può non essere inviata al SdI.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • No, per utilizzare i servizi della suite Legalinvoice non serve essere possessori di una firma digitale.

    InfoCert si configura come intermediario di fatturazione e provvederà a firmare le fatture con una propria firma automatica-massiva e inviarle al SDI.

    La ricezione delle fatture elettroniche può essere effettuata comunicando ai propri fornitori il Codice Destinatario InfoCert.

    Mostra in una nuova pagina
    2 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • L'iPA (indice delle Pubbliche Amministrazioni) è l'anagrafica di riferimento per la fatturazione elettronica, ed è l'indice cui il Sistema di Interscambio fa riferimento per le funzioni di indirizzamento delle fatture elettroniche agli uffici centrali e periferici delle Pubbliche Amministrazioni deputati al ricevimento delle fatture elettroniche.

    Tutte le PA sono tenute a comunicare ai propri fornitori con contratti in corso le informazioni necessarie per l'automazione del processo di gestione della fattura indicando anche la data di partenza del servizio (in base a quanto disposto all'art. 6 c. 1 del DM n. 55 del 3 aprile 2013).

    Nel caso non si sia ricevuta tale comunicazione, nelle Specifiche Operative per l'identificazione univoca degli uffici di fatturazione, emesso da AgID, si consente l'utilizzo del codice ufficio generale (denominato "Uff_eFatturaPA") che è stato generato in automatico al momento dell'accreditamento dell'Amministrazione all'interno dell'iPA:

    "l'Ufficio di fatturazione elettronica "Centrale" potrà essere utilizzato dagli operatori economici e dai loro intermediari per l'invio della fattura elettronica all'Amministrazione solo ed esclusivamente nel caso in cui non abbia ricevuto la comunicazione del codice ufficio destinatario di fattura elettronica da parte dell'amministrazione e, pur avendo riscontrato la presenza dell'amministrazione sull'iPA non sia in grado di individuare in modo univoco, sulla base dei dati contrattuali in proprio possesso, l'Ufficio destinatario della fattura".

    Mostra in una nuova pagina
    12 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Se si emettono fatture nei confronti di clienti esteri, potrebbe essere necessario prevedere questo tipo di gestione della numerazione visto che l’obbligo della fatturazione elettronica è previsto solo in Italia.

    Quindi sì, è possibile ma chi redige la fattura ha l'onere di ricordarsi il salto legato alla fattura emessa nei confronti dei clienti esteri e variare il numero della fattura in emissione.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Si, Legalinvoice Start permette di creare tutti le possibili tipologie di fatture: B2G (per la Pubblica Amministrazione), B2B, B2C e fatture cartecee.

    Mostra in una nuova pagina
    1 persona ha trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Se desideri associare la tua P. IVA al Codice Destinatario InfoCert XL13LG devi accedere alla sezione Fatture e Corrispettivi dell'Agenzia delle Entrate. In particolare alla voce Registrazione dell’indirizzo telematico dove ricevere tutte le fatture elettroniche disponibile all'interno dell'area Fatturazione Elettronica.

    I possibili sistemi di accesso al sito sono attraverso il Codice Fiscale/Codice Entratel e Password, le credenziali SPID o la Carta Nazionale dei Servizi (CNS).

    Per maggiori dettagli, consulta la Guida al servizio web "Fatture e Corrispettivi" dell'Agenzia delle Entrate.

    Mostra in una nuova pagina
    4 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Nell'ambito delle operazioni di configurazione del Profilo Azienda, è importante non trascurare la scelta del Profilo Fiscale corretto per la tua attività.

    Per scegliere uno tra i profili fiscali preconfigurati in Legalinvoice START:

    • clicca sull'icona dell’ingranaggio collocata sulla barra nera in alto a destra della home page;
    • seleziona “Profilo azienda” dal menu a tendina;
    • seleziona Profili fiscali dal menu laterale posto nella parte sinistra dello schermo.

    Il profilo fiscale predefinito dal sistema è "Fatturazione Regime Iva standard".

    Per maggiori dettagli consulta la Guida alla configurazione di Legalinvoice START e i video disponibili.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Per conoscere le PROMOZIONI attualmente in vigore per i prodotti/servizi InfoCert consulta la pagina dedicata del Negozio.

    • Per le offerte sul mondo PEC InfoCert, consulta la sezione del negozio apposita;

    • Per le offerte sulla FIRME DIGITALI InfoCert, consulta la seguente pagina;

    • Per le offerte sui nostri pacchetti di MARCHE TEMPORALI, consulta la pagina.

    • Per le offerte sulla FATTURAZIONE ELETTRONICA Legalinvoice, consulta la relativa pagina;

    • Per conoscere l'offerta formativa dei CORSI InfoCert sul funzionamento dei principali servizi digitali consulta la pagina.

    Mostra in una nuova pagina
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • L'introduzione dell'obbligo di fatturazione elettronica (1° gennaio 2019) ha profondamente trasformato le modalità con le quali un'azienda trasmette ai propri clienti il documento fattura, ora veicolato attraverso il Sistema di Interscambio dell'Agenzia delle Entrate.

    Questo significa che, in base al tuo profilo (privato, azienda, ecc.) avrai strumenti diversi per recuperare la fattura inviata da InfoCert.

    Se sei un acquirente privato, troverai le fatture all'interno del tuo Cassetto Fiscale raggiungibile mediante il portale dell'Agenzia delle Entrate.

    Se sei un'acquirente dotato di Partita IVA, avrai a disposizione comunque il tuo Cassetto fiscale ma, in base a quanto avrai dichiarato all'Agenzia, potrai ricevere le fatture emesse da InfoCert via PEC o via Codice Destinatario.

    Ad ogni buon conto, InfoCert ti mette a disposizione la copia di cortesia della fattura. Potrai recuperarla accedendo all'Area Clienti del Negozio InfoCert, all'interno della pagina Ordini e fatture.

    La fattura è visualizzabile con Adobe Reader, versione 8 o superiori (scaricabile gratuitamente dal sito www.adobe.it).

    Mostra in una nuova pagina
    5 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • L'acquisto di un prodotto (o bene tangibile come ad es. un lettore di smart card, un dispositivo di firma, ecc.) conduce all'emissione di una fattura caratterizzata da un codice le cui prime quattro cifre sono 1198 seguite da ulteriori sei cifre.

    L'introduzione dell'obbligo di fatturazione elettronica (1° gennaio 2019) ha profondamente trasformato le modalità con le quali un'azienda trasmette ai propri clienti il documento fattura, ora veicolato attraverso il Sistema di Interscambio dell'Agenzia delle Entrate.

    Questo significa che, in base al tuo profilo (privato, azienda, ecc.) avrai strumenti diversi per recuperare la fattura inviata da InfoCert.

    Se sei un acquirente dotato di Partita IVA potrai ricevere le fatture emesse da InfoCert via PEC o via Codice Destinatario in base a quanto avrai dichiarato all'Agenzia delle Entrate. In alternativa, puoi sempre ricorrere al tuo Cassetto Fiscale.

    Se sei un acquirente privato, troverai le fatture all'interno del tuo Cassetto Fiscale raggiungibile mediante il portale dell'Agenzia delle Entrate.

    Ad ogni buon conto, InfoCert ti mette a disposizione la copia di cortesia della fattura. Potrai recuperarla accedendo all'Area Clienti del Negozio InfoCert, all'interno della pagina Ordini e fatture.

    Mostra in una nuova pagina
    16 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Quando il pagamento è effettuato con bonifico bancario sono necessari tra i 5 e i 7 giorni lavorativi per la chiusura automatica dell'ordine di acquisto (l'intervallo di tempo più lungo è necessario quando è prevista la spedizione di materiale). Pertanto, se ti trovi in questo arco temporale è normale che tu non abbia ancora ricevuto la fattura.

    Inoltre, l'introduzione dell'obbligo di fatturazione elettronica (1° gennaio 2019) ha profondamente trasformato le modalità con le quali un'azienda trasmette ai propri clienti il documento fattura, ora veicolato attraverso il Sistema di Interscambio dell'Agenzia delle Entrate.

    Questo significa che, in base al tuo profilo (privato, azienda, ecc.) avrai strumenti diversi per recuperare la fattura inviata da InfoCert.

    Se sei un acquirente privato, troverai le fatture all'interno del tuo Cassetto Fiscale raggiungibile mediante il portale dell'Agenzia delle Entrate.

    Se sei un'acquirente dotato di Partita IVA, avrai a disposizione comunque il tuo Cassetto Fiscale ma, in base a quanto avrai dichiarato all'Agenzia, potrai ricevere le fatture emesse da InfoCert via PEC o via Codice Destinatario.

    Ad ogni buon conto, InfoCert ti mette a disposizione la copia di cortesia della fattura. Potrai recuperarla accedendo all'Area Clienti del Negozio InfoCert, all'interno della pagina Ordini e fatture.

    Mostra in una nuova pagina
    1 persona ha trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • L'acquisto di un servizio (o bene intangibile come ad es. il rinnovo di una casella Legalmail, un pacchetto di marche temporali, ecc.) conduce all'emissione di una fattura caratterizzata da un codice le cui prime quattro cifre sono 1194 seguite da ulteriori sei cifre.

    L'introduzione dell'obbligo di fatturazione elettronica (1° gennaio 2019) ha profondamente trasformato le modalità con le quali un'azienda trasmette ai propri clienti il documento fattura, ora veicolato attraverso il Sistema di Interscambio dell'Agenzia delle Entrate.

    Questo significa che, in base al tuo profilo (privato, azienda, ecc.) avrai strumenti diversi per recuperare la fattura inviata da InfoCert.

    Se sei un acquirente dotato di Partita IVA potrai ricevere le fatture emesse da InfoCert via PEC o via Codice Destinatario in base a quanto avrai dichiarato all'Agenzia delle Entrate. In alternativa, puoi sempre ricorrere al tuo Cassetto Fiscale.

    Se sei un acquirente privato, troverai le fatture all'interno del tuo Cassetto Fiscale raggiungibile mediante il portale dell'Agenzia delle Entrate.

    Ad ogni buon conto, InfoCert ti mette a disposizione la copia di cortesia della fattura. Potrai recuperarla accedendo all'Area Clienti del Negozio InfoCert, all'interno della pagina Ordini e fatture.

    Mostra in una nuova pagina
    10 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Per rispondere a questa domanda, ti proponiamo l'esito dell'interrogazione presentata direttamente a Sogei.

    Quesito posto a Sogei

    Potrebbe accadere che il cedente/prestatore emetta fattura verso la PA inserendo un codice iPA sbagliato, dove per sbagliato intendiamo un codice comunque valido ma associato ad un ufficio appartenente ad un'amministrazione diversa da quella destinataria della fattura. In tal caso, a quanto ci risulta, il SdI accetterebbe la fattura che verrebbe però recapitata ad una PA non sua cliente, del tutto estranea alla fattura. Nel caso in cui il cedente/prestatore abbia già protocollato la fattura, come dovrebbero comportarsi cedente/prestatore e PA ricevente affinché la fattura possa essere annullata ed emessa nuovamente in modo corretto come nuova fattura? La PA ricevente, estranea alla fattura, deve comunque protocollarla affinché il cedente/prestatore possa emettere nota di credito?

    Risposta fornita da Sogei

    Premesso che la prassi amministrativo/contabile non dovrebbe subire particolari variazioni nel passaggio da una fatturazione cartacea ad una elettronica, nel caso descritto il cedente/prestatore può seguire una delle due strade sotto descritte:

    • emettere nota di credito e trasmetterla via SdI alla PA solo se, da parte di quest'ultima, non sia pervenuta una notifica di esito con rifiuto della fattura. Successivamente emettere una nuova fattura con destinatario corretto;
    • gestire contabilmente al proprio interno lo storno della fattura e riemetterla con destinatario corretto, anche con stessa numerazione, se da parte della PA sia pervenuta una notifica di esito con rifiuto.

    Mostra in una nuova pagina
    5 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Se vuoi effettuare una richiesta SPID seleziona sull'interfaccia iniziale di richiesta la voce "Hai un codice sconto?"

    Se vuoi acquistare/rinnovare un qualsiasi altro servizio InfoCert (PEC, Firma Digitale, ecc.) seleziona l'icona "Negozio" in alto a dx e, dopo aver selezionato il prodotto, sulla scheda d'acquisto individua la voce "Hai un codice promozionale?".

    Per utilizzare un COUPON (o Codice Promozionale) per una richiesta SPID:

    • seleziona una delle due modalità di riconoscimento che lo consentono ("Online Documento Elettronico" o "Online con Video Riconoscimento")
    • individua all'interno della finestra in grigio il pulsante "Hai un codice sconto?" e cliccaci sopra
    • inserisci all'interno del campo in bianco il codice del coupon e clicca su "Convalida"
    • se il codice è valido ti verrà indicato chiaramente a video e potrai cliccare sul pulsante in blu "Applica lo sconto" che verrà mantenuto sino al momento del pagamento del servizio.

    Per utilizzare un COUPON (o Codice Promozionale) per un qualsiasi altro servizio InfoCert (Firma Digitale, PEC, Fatturazione Elettronica, ecc.):

    • clicca in alto a destra sulla casella "Negozio" contrassegnata da un carrello
    • seleziona il servizio che stai richiedendo
    • individua all'interna della pagina il pulsante "Hai un codice promozionale?" e cliccaci sopra
    • inserisci all'interno del campo in bianco il codice del coupon e clicca su "Aggiorna il prezzo"
    • se il codice è valido ti verrà indicato chiaramente a video il nuovo importo da pagare scalato del valore del codice sconto applicato.

    Mostra in una nuova pagina
    7 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?
  • Le nuove modalità di invio delle fatture, ora in modalità elettronica, hanno un'evidente ricaduta nel rapporto tra InfoCert ed i suoi Clienti. Dal 1° gennaio 2019, infatti, le fatture devono rispondere alle specifiche della fatturazione elettronica che prevede la disponibilità di alcuni dati non sempre presenti nelle anagrafiche dei Clienti, specialmente se si sono registrati precedentemente al 1° gennaio.

    Comprenderai quindi, che l'inserimento dei dati di fatturazione corretti è di fondamentale importanza per InfoCert ma anche per la tua attività. Infatti, dati errati implicano una fattura errata. Considerando la trasmissione elettronica e i tempi di lavorazione scadenzati dal Sistema di Interscambio si corre il rischio di non poter intervenire nei tempi giusti per una corretta gestione.

    Se sei un nuovo Cliente ti basterà seguire le indicazioni fornite per la tua attività durante la prima registrazione; se sei già un Cliente InfoCert in occasione del primo ordine utile ti verrà chiesto di arricchire i Dati di Fatturazione con quelli mancanti.

    In questo secondo caso, accedi all'Area Clienti con le credenziali di accesso al Negozio InfoCert. Seleziona la funzione Account e poi, all'interno della pagina, individua la sezione dedicata ai Dati di Fatturazione e procedi con un clic sul pulsante Modifica.

    Ti troverai nella pagina dedicata alla modifica dei dati di fatturazione: correggi o integra quanto necessario.

    Ecco allora, caso per caso, un elenco dei dati necessari perché InfoCert emetta una fattura elettronica corretta nei tuoi confronti. Individua la tua attività, verifica se è previsto che tu fornisca una P. IVA o meno, verifica di aver fornito l'indirizzo PEC o in alternativa il Codice Destinatario e aggiorna la tua scheda in base alle nuove necessità.


    Ho la Partita IVA

    Impresa/Società

    Sono presenti e sono obbligatori i seguenti campi:

    • il Settore di attività nella quale l'impresa opera;
    • la Ragione Sociale dell'impresa;
    • il Codice Fiscale dell'impresa;
    • la Partita IVA dell'impresa;
    • l'Indirizzo, il CAP, il Comune e la Provincia che formano complessivamente il recapito dell'impresa;
    • l'indirizzo Email al quale verrà spedita la copia di cortesia della fattura. Per quanto riguarda i dati necessari per la gestione elettronica della fattura, l'impresa può scegliere la modalità attraverso la quale ricevere la fattura emessa da InfoCert. In particolare:
    • può indicare l'indirizzo PEC così da ricevere la fattura via PEC;
    • può indicare il suo Codice Destinatario così da ricevere la fattura attraverso il Sistema di Interscambio;
    • può aver già indicato il suo Codice Destinatario al Sistema di Interscambio. In questo caso è sufficiente barrare l'opzione corrispondente. E' sempre possibile inserire la causale dell'acquisto. Questo dato, vincolato all'ordine effettuato, può essere inserito immediatamente prima della scelta della modalità di pagamento con un clic sul link Inserisci causale fattura.
    Ditta Individuale

    Sono presenti e sono obbligatori i seguenti campi:

    • il Settore di attività nella quale l'impresa opera;
    • la Ragione Sociale dell'impresa;
    • il Codice Fiscale dell'impresa;
    • la Partita IVA dell'impresa;
    • l'Indirizzo, il CAP, il Comune e la Provincia che formano complessivamente il recapito dell'impresa;
    • l'indirizzo Email al quale verrà spedita la copia di cortesia della fattura. Per quanto riguarda i dati necessari per la gestione elettronica della fattura, l'impresa può scegliere la modalità attraverso la quale ricevere la fattura emessa da InfoCert. In particolare:
    • può indicare l'indirizzo PEC così da ricevere la fattura via PEC;
    • può indicare il suo Codice Destinatario così da ricevere la fattura attraverso il Sistema di Interscambio;
    • può aver già indicato il suo Codice Destinatario al Sistema di Interscambio. In questo caso è sufficiente barrare l'opzione corrispondente. E' sempre possibile inserire la causale dell'acquisto. Questo dato, vincolato all'ordine effettuato, può essere inserito immediatamente prima della scelta della modalità di pagamento con un clic sul link Inserisci causale fattura.
    Professionista

    Sono presenti e sono obbligatori i seguenti campi:

    • il Settore di attività del professionista;
    • la Ragione Sociale dello studio professionale;
    • il Codice Fiscale;
    • la Partita IVA;
    • l'Indirizzo, il CAP, il Comune e la Provincia che formano complessivamente il recapito del professionista;
    • l'indirizzo Email al quale verrà spedita la copia di cortesia della fattura. Per quanto riguarda i dati necessari per la gestione elettronica della fattura, il professionista può scegliere la modalità attraverso la quale ricevere la fattura emessa da InfoCert. In particolare:
    • può indicare l'indirizzo PEC così da ricevere la fattura via PEC;
    • può indicare il suo Codice Destinatario così da ricevere la fattura attraverso il Sistema di Interscambio;
    • può aver già indicato il suo Codice Destinatario al Sistema di Interscambio. In questo caso è sufficiente barrare l'opzione corrispondente. E' sempre possibile inserire la causale dell'acquisto. Questo dato, vincolato all'ordine effettuato, può essere inserito immediatamente prima della scelta della modalità di pagamento con un clic sul link Inserisci causale fattura.
    Associazione (con P. IVA)

    Sono presenti e sono obbligatori i seguenti campi:

    • il Settore di intervento dell'associazione;
    • la Ragione Sociale dell'associazione;
    • il Codice Fiscale dell'associazione;
    • la Partita IVA dell'associazione;
    • l'Indirizzo, il CAP, il Comune e la Provincia che formano complessivamente il recapito dell'associazione;
    • l'indirizzo Email al quale verrà spedita la copia di cortesia della fattura. Per quanto riguarda i dati necessari per la gestione elettronica della fattura, l'associazione può scegliere la modalità attraverso la quale ricevere la fattura emessa da InfoCert. In particolare:
    • può indicare l'indirizzo PEC così da ricevere la fattura via PEC;
    • può indicare il suo Codice Destinatario così da ricevere la fattura attraverso il Sistema di Interscambio;
    • può aver già indicato il suo Codice Destinatario al Sistema di Interscambio. In questo caso è sufficiente barrare l'opzione corrispondente. E' sempre possibile inserire la causale dell'acquisto. Questo dato, vincolato all'ordine effettuato, può essere inserito immediatamente prima della scelta della modalità di pagamento con un clic sul link Inserisci causale fattura.
    Altro

    Sono presenti e sono obbligatori i seguenti campi:

    • il Settore di attività. Non è presente il menu a tendina, il campo prevede una descrizione a testo libero con un massimo di 100 caratteri;
    • la Ragione Sociale;
    • il Codice Fiscale;
    • la Partita IVA;
    • l'Indirizzo, il CAP, il Comune e la Provincia che formano complessivamente il recapito del cliente;
    • l'indirizzo Email al quale verrà spedita la copia di cortesia della fattura. Per quanto riguarda i dati necessari per la gestione elettronica della fattura, il cliente può scegliere la modalità attraverso la quale ricevere la fattura emessa da InfoCert. In particolare:
    • può indicare l'indirizzo PEC così da ricevere la fattura via PEC;
    • può indicare il suo Codice Destinatario così da ricevere la fattura attraverso il Sistema di Interscambio;
    • può aver già indicato il suo Codice Destinatario al Sistema di Interscambio. In questo caso è sufficiente barrare l'opzione corrispondente. E' sempre possibile inserire la causale dell'acquisto. Questo dato, vincolato all'ordine effettuato, può essere inserito immediatamente prima della scelta della modalità di pagamento con un clic sul link Inserisci causale fattura.

    Non ho la Partita IVA

    Privato Cittadino

    Sono presenti e sono obbligatori i seguenti campi:

    • il Nome ed il Cognome del cliente;
    • il Codice Fiscale del cliente;
    • l'Indirizzo, il CAP, il Comune e la Provincia che formano complessivamente il recapito del cliente;
    • l'indirizzo Email al quale verrà spedita la copia di cortesia della fattura. Il cliente che si configura come Privato, può facoltativamente inserire un'indirizzo PEC per gestire le comunicazioni con InfoCert. E' sempre possibile inserire la causale dell'acquisto. Questo dato, vincolato all'ordine effettuato, può essere inserito immediatamente prima della scelta della modalità di pagamento con un clic sul link Inserisci causale fattura.
    Associazione (culturale, sportiva, onlus…)

    Sono presenti e sono obbligatori i seguenti campi:

    • il Settore di intervento dell'associazione;
    • la Ragione Sociale dell'associazione;
    • il Codice Fiscale dell'associazione;
    • l'Indirizzo, il CAP, il Comune e la Provincia che formano complessivamente il recapito dell'associazione;
    • l'indirizzo Email al quale verrà spedita la copia di cortesia della fattura. Per quanto riguarda i dati necessari per la gestione elettronica della fattura, l'associazione può scegliere la modalità attraverso la quale ricevere la fattura emessa da InfoCert. In particolare:
    • può indicare l'indirizzo PEC così da ricevere la fattura via PEC;
    • può indicare il suo Codice Destinatario così da ricevere la fattura attraverso il Sistema di Interscambio;
    • può aver già indicato il suo Codice Destinatario al Sistema di Interscambio. In questo caso è sufficiente barrare l'opzione corrispondente. E' sempre possibile inserire la causale dell'acquisto. Questo dato, vincolato all'ordine effettuato, può essere inserito immediatamente prima della scelta della modalità di pagamento con un clic sul link Inserisci causale fattura.
    Società semplice

    Sono presenti e sono obbligatori i seguenti campi:

    • il Settore di intervento della Società semplice;
    • la Ragione Sociale della Società semplice;
    • il Codice Fiscale della Società semplice;
    • l'Indirizzo, il CAP, il Comune e la Provincia che formano complessivamente il recapito della Società semplice;
    • l'indirizzo Email al quale verrà spedita la copia di cortesia della fattura. Per quanto riguarda i dati necessari per la gestione elettronica della fattura, la Società semplice può scegliere la modalità attraverso la quale ricevere la fattura emessa da InfoCert. In particolare:
    • può indicare l'indirizzo PEC così da ricevere la fattura via PEC;
    • può indicare il suo Codice Destinatario così da ricevere la fattura attraverso il Sistema di Interscambio;
    • può aver già indicato il suo Codice Destinatario al Sistema di Interscambio. In questo caso è sufficiente barrare l'opzione corrispondente. E' sempre possibile inserire la causale dell'acquisto. Questo dato, vincolato all'ordine effettuato, può essere inserito immediatamente prima della scelta della modalità di pagamento con un clic sul link Inserisci causale fattura.
    Condominio

    Sono presenti e sono obbligatori i seguenti campi:

    • la Ragione Sociale del condominio;
    • il Codice Fiscale del condominio;
    • l'Indirizzo, il CAP, il Comune e la Provincia che formano complessivamente il recapito del condominio;
    • l'indirizzo Email al quale verrà spedita la copia di cortesia della fattura. Per quanto riguarda i dati necessari per la gestione elettronica della fattura, il condominio può scegliere la modalità attraverso la quale ricevere la fattura emessa da InfoCert. In particolare:
    • può indicare l'indirizzo PEC così da ricevere la fattura via PEC;
    • può indicare il suo Codice Destinatario così da ricevere la fattura attraverso il Sistema di Interscambio;
    • può aver già indicato il suo Codice Destinatario al Sistema di Interscambio. In questo caso è sufficiente barrare l'opzione corrispondente. E' sempre possibile inserire la causale dell'acquisto. Questo dato, vincolato all'ordine effettuato, può essere inserito immediatamente prima della scelta della modalità di pagamento con un clic sul link Inserisci causale fattura.
    Altro

    Sono presenti e sono obbligatori i seguenti campi:

    • il Settore di attività. Non è presente il menu a tendina, il campo prevede una descrizione a testo libero con un massimo di 100 caratteri;
    • la Ragione Sociale;
    • il Codice Fiscale;
    • l'Indirizzo, il CAP, il Comune e la Provincia che formano complessivamente il recapito del cliente;
    • l'indirizzo Email al quale verrà spedita la copia di cortesia della fattura. Per quanto riguarda i dati necessari per la gestione elettronica della fattura, il cliente può scegliere la modalità attraverso la quale ricevere la fattura emessa da InfoCert. In particolare:
    • può indicare l'indirizzo PEC così da ricevere la fattura via PEC;
    • può indicare il suo Codice Destinatario così da ricevere la fattura attraverso il Sistema di Interscambio;
    • può aver già indicato il suo Codice Destinatario al Sistema di Interscambio. In questo caso è sufficiente barrare l'opzione corrispondente. E' sempre possibile inserire la causale dell'acquisto. Questo dato, vincolato all'ordine effettuato, può essere inserito immediatamente prima della scelta della modalità di pagamento con un clic sul link Inserisci causale fattura.

    Mostra in una nuova pagina
    6 persone hanno trovato utile questo contenuto
    Hai trovato utile questo contenuto?