Qual è il valore legale della Firma Digitale?

I presupposti giuridici che rendono possibili transazioni legali fatte grazie a queste tecnologie, si fondano soprattutto sull’articolo 15 comma 2 della legge 15 marzo 1997 n. 59, la cosiddetta “Bassanini 1”, che recita:

“Gli atti, dati e documenti formati dalla pubblica amministrazione e dai privati con strumenti informatici o telematici, i contratti stipulati nelle medesime forme, nonché la loro archiviazione e trasmissione con strumenti informatici sono validi e rilevanti a tutti gli effetti di legge…”.

L’attuale Codice dell’Amministrazione Digitale, D. Lgs. 7 marzo 2005, n. 82 dispone inoltre, all’art. 21, comma 2, che “il documento informatico, sottoscritto con firma digitale o con un altro tipo di firma elettronica qualificata, ha l’efficacia [della forma scritta] prevista dall’articolo 2702 del codice civile.

L’utilizzo del dispositivo di firma si presume riconducibile al titolare, salvo che sia data prova contraria”.